Ti toglie soldi, lavoro e vita sociale, e non è il Covid: come sconfiggerla

Consigli per gestire gli attacchi di ansia: tutto quello che c'è da sapere per prevenirli

Un malessere che lentamente ma inesorabilmente ti porta a perdere tutto. Ma si può guarire.

 

L’ansia è una piaga in continuo aumento. E’ una sensazione che arriva nel momento in cui sei più vulnerabile e cambia il tuo stato d’animo. Improvvisamente ci si ritrova in una situazione di preoccupazione che genera ansia, paura e disagio. Non sempre si conoscono le cause reali di questa condizione fisica\mentale; a volte si manifesta in comportamenti diversi e non sempre si conosce il modo per affrontarli. In questo articolo, impareremo a capire come riconoscere e gestire al meglio l’ansia riuscendo ad avere un minimo di controllo sulla nostra persona. Ricordate però che in una condizione di malessere mentale, è sempre utile chiedere aiuto. Rivolgersi ad un familiare o un medico, può aiutare ad uscirne in modo più veloce. Partiamo dalle basi, come nasce l’ansia?

Cos’è l’ansia?

Spiegandola in termini semplici, possiamo definire l’Ansia come una risposta naturale del corpo ad una situazione di stress. Un  complesso di reazioni cognitive, comportamentali e fisiologiche che si manifestano in seguito alla percezione di uno stimolo ritenuto minaccioso e nei cui confronti non ci riteniamo sufficientemente capaci di reagire. Non è una patologia, ma un’emozione di base, che comporta uno stato di attivazione dell’organismo quando una situazione viene percepita soggettivamente come pericolosa. Nasce per un evento che si verifica o sta per verificarsi come per esempio un viaggio, un esame, molte preoccupazioni. Come si manifesta?

Come si manifesta L’ansia?

Chi non ha mai sofferto di ansia, panico agitazione non può capire. Si tratta, infatti, di una sensazione oscura  che non vorremmo mai augurare a nessuno. Può essere paragonata alla sensazione di soffocare: Sudore, palpitazioni, respiro pesante e nei casi più gravi anche gli svenimenti. Un insieme di processi che si scatenano poichè il corpo si sente incapace di reagire. Purtroppo, il nostro cuore, unito al nostro cervello, ci comanda e non riusciamo a calmarci e nemmeno a calmarlo.  Qualora vi accorgesse di avere sintomi di stress o una condizione mentale non molto chiara, consigliamo sempre di chiamare un medico e farsi visitare da un cardiologo.

LEGGI QUI >>>Lady Gaga e Adam Drive sbarcano a Milano: i soldi e i misteri della famiglia Gucci

LEGGI QUI >>> Ansia tra i lavoratori: quando riaprono piscine e palestre? 

Come si combatte l’ansia?

Niente paura. Esistono metodi per attenuare e combattere questo disturbo. Di solito, i medici ci dicono che per limitare l’ansia bisogna respirare più lentamente. Per uscire da questa sensazione, dobbiamo assolutamente eseguire questi passaggi:

  • Siediti tranquillamente su una poltrona, cerca di rilassare tutti i muscoli, schiena e spalle compresi. Inspira dal naso per alcune volte, anche minuti. Se però dopo qualche giorno questa sensazione non passa, sarebbe buona cosa consultare un medico.
  • Recati in un posto luogo tranquillo. Concedersi relax  è sempre quello che serve per calmarsi e ritrovare la stabilità. Essere lontani dalle persone permette di sentirsi maggiormente a proprio agio, di non essere “soffocati” dalla folla e dalla costrizione che ne può derivare.
  • Impara riconoscere quando un attacco di ansia si sta manifestando. Tenendo sotto controllo i  i sintomi, solo in questo modo si possono controllare ed evitare che si arrivi al picco.