Scadenze fiscali: tutto rimandato dal decreto Sostegno

Il nuovo decreto Sostegno potrebbe rinviare tutta una serie di scadenze utili agli italiani a nuova data. Le novità.

Socialometro Fisco

Le prossime scadenze fiscali potrebbero tutte essere rimandate per questioni legate all’emergenza covid che in questi giorni si e acuita in tutto il paese. Il Governo, attraverso il tanto atteso decreto Sostegno potrebbe annunciare nuove date per le prossime scadenze fiscali, tra le quali dichiarazioni dei redditi e procedure analoghe. Tali proroghe porterebbero, di fatto ad uno spostamento dell’intera agenda fiscale a data non ancora ufficializzata.

In queste settimane, inoltre si attendono importanti sviluppi circa le decisioni dell’esecutivo in merito all’attuazione del decreto Sostegno rispetto alla pace fiscale. Milioni di italiani attendono con ansia di sapere se realmente esiste la possibilità concreta che vengano abbuonate tasse e multe fino a 5000 euro per un periodo che va dal 2000 al 2015. Quindici anni di condono insomma, per importi sotto la soglia prestabilita, che darebbero respiro agli italiani ed agli uffici pubblici competenti che non avrebbero più tanto lavoro arretrato.

LEGGI ANCHE >>> Decreto sostegno, contributi a fondo perduto fino a 150 mila euro: cosa c’è da sapere

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegno: in arrivo la Rottamazione quater, ma non per tutti

Scadenze fiscali: cosa c’è da sapere in merito alle nuove scadenze

Le nuove proroghe, secondo fonti vicine al Governo sarebbero state suddivise per quattro punti fondamentali. Tali punti, riguardano una serie di attività, comunicazioni e d impegni per  quali sarà prevista una nuova scadenza. Per quel che riguarda la trasmissione telematica della Certificazione Unica all’Agenzia delle Entrate si va tra il 16 ed il 31 marzo 2021. Per le comunicazioni fiscalmente utili dei dati relativi a spese riguardanti l’anno 2020, per detrazioni ed oneri deducibili, sempre tra il 16 ed il 31 marzo 2021. Disponibilità della dichiarazione dei redditi precompilata da parte dell’Agenzia delle Entrate, dal 30 aprile al 10 maggio. Web Tax e dichiarazione dal 16 marzo al 16 maggio con il secondo adempimento in scadenza il 30 giugno 2021.

Una serie di spostamenti, utili per semplificare, in alcuni casi le situazioni di milioni di italiani, in attesa di tempi migliori ed di un ritorno a quella dimensione utile a tutti a ritornare a vivere e lavorare come prima.