Le tasse devono pagarle tutti: anche le prostitute

Ci sono due scuole di pensiero sul fatto che le tasse devano essere pagate anche dalle prostitute, ma attenzione alla recente sentenza

Qualora vi foste mai posti la domanda, chi decide di fare della prostituzione il proprio lavoro, ha il dovere di pagare le tasse come tutti gli altri. Per la legge, anche questo tipo di prestazione, seppur andando contro il buon costume, non ha diritto di essere effettuato a nero e deve essere tassato.

In fase di accertamento fiscale, di fatto chi evade, può essere considerato evasore fiscale. Quindi, non è illegale effettuare prestazioni di meretricio, ma farlo senza dichiararlo al Fisco. Naturalmente, risulta invece illegale lo sfruttamento della prostituzione e lo sfruttamento minorile in tal senso.

Leggi anche>>> Digital Tax: cos’è il canone che pagheremo da maggio

Leggi anche>>> Riforma fiscale, tra flat tax e progressività: il governo studia le tasse del futuro

Tasse e prostitute: cosa dice la legge

A far riemergere questo dubbio, è stata una recente sentenza della Corte di Cassazione, che chiarisce che l’accertamento fatto su una presunta meretrice per redditi sospetti, è tutt’altro che illegittimo. In quel caso, la donna è subito corsa ai ripari, mostrando alle autorità una dichiarazione di suo padre, che confermava il fatto che era stato lui, a conferirle diverse somme di denaro. Ma i militari non si sono fatti convincere.

Ad ogni modo, secondo la giurisprudenza, l’attività di prostituzione non può in nessun modo dirsi esente dal Fisco. E per questo, i redditi che ne derivano sono assoggettabili ai fini IRPEF, IRAP ed anche IVA. C’è però un secondo orientamento, che non prevede esattamente le stesse cose, in quanto i guadagni di una donna che vende il proprio corpo, non dovrebbero essere parificati al reddito da lavoro autonomo o dipendente.

Tale reddito infatti, viene considerato secondo la seconda idea, solo una specie di indennizzo o risarcimento perché chi effettua questo tipo di prestazione, subirebbe una lesione alla dignità ed all’integrità di tipo fisico. Comunque, la sentenza arrivata da poco sulla legittimità dei controlli fiscali per chi effettua questo lavoro, farà sicuramente scuola per i prossimi casi.