L’esercito di automobilisti italiani che non pagherà più il bollo

Bollo auto, in tanti potrebbero non pagare gli arretrati, ma non è finita: dal 2021 ci sarà chi è totalmente esentato

Bollo auto, occhio alle sanzioni: il rischio è molto alto
Pagamenti auto (Fonte foto: web)

 

Ancora non è del tutto ufficiale, come le tantissime tematiche che andrà a toccare il Decreto Sostegno, che finché non sarà firmato non può darci certezze. Al suo interno però potrebbe esserci l’addio al bollo auto non pagato dal 2000 al 2015. Ma c’è anche un’altra possibilità: non pagare il bollo auto 2021.

Non solo l’esonero per gli arretrati che potrebbe arrivare grazie al Governo Draghi, ma anche alcune possibilità di non pagare il bollo auto per l’anno in corso. Ricordiamo, che la tassa è legate solo al possesso auto e non al suo utilizzo. Quindi, che la vettura cammini o la si tenga ferma non è un problema del Fisco.

Chi potrebbe usufruire dell’esonero nel 2021?

  • Chi ha un’auto intestata a un disabile o ad un familiare, con limitazioni;
  • auto dei corpi di rappresentanza;
  • auto intestate ad associazioni no profit;
  • auto elettriche per i loro primi cinque anni, in Piemonte e Lombardia dal primo;
  • veicoli ibridi con regole che cambiano a seconda della regione.

Leggi anche>>> Canone Rai in via di cancellazione per qualcuno: ipotesi stralcio arretrati

Leggi anche>>> Bollo auto sospeso, prima svolta: una Regione anticipa tutti

Bollo auto, novità per le elettriche

Auto elettriche sempre più proiettate verso il futuro, non solo per la produzione, ma anche per gli incentivi ad acquistarne. Infatti, per tutto lo stivale, è già prevista l’esenzione del bollo auto per i primi cinque anni, più una tassa comunque ridotta dal sesto. Lombardia e Piemonte invece, hanno deciso che il bollo auto su macchine elettriche, non si pagherà mai. Nel caso in cui ci si riferisse alle auto ad alimentazione mista, le esenzioni variano da regione a regione.

Per adesso, la situazione delle esenzioni, è varia come già detto, di regione in regione, e se non ne prevede ad oggi in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Friuli Venezia-Giulia, Molise, Sardegna e Toscana, in altre regioni la cosa cambia. Si va dalla totalità della Campania al Lazio per i primi tre anni o alle Marche, per i primi sei. Ad ogni modo, è meglio informarsi ed essere sicuri di avere la possibilità di non pagare.

Diverso invece ciò che viene previsto per l’esonero disabili. Parliamo delle limitazioni: se una persona disabile possedesse più di un’auto, soltanto una intestata a lui viene detta esente. Esonero, da estendere nel caso anche ad un parente, sempre e solo però per una sola vettura.

Come richiedere l’esonero: la disabilità deve necessariamente appartenere alle seguenti categorie:

  • ridotte o impedite capacità motorie permanenti;
  • grave limitazione della capacità di deambulazione;
  • disabilità mentali o psichiche, cecità o sordità.