I costi di internet preoccupano? Una chance di risparmio c’è sempre

Per sostenere i costi di modem e abbonamenti vari c’è bisogno di strategia. Ma quella di internet è una spesa a cui non si rinuncia mai.

Modem Internet
Foto di USA-Reiseblogger da Pixabay

In tempi duri, il risparmio non è più una dote di pochi ma una necessità di tutti. Dove si può e dove le circostanze lo concedono, la penna rossa è sempre pronta a tirare una riga laddove è possibile. Che si tratti di bollette o di tagliare le spese su cose superflue e non, la tendenza a risparmiare è sempre pronta a manifestarsi nell’essere umano. Tuttavia, non a tutte le spese siamo disposti a rinunciare. Per questo trovare degli escamotage per riuscire a garantirsi un buon servizio senza svenarsi è uno sport che va sempre di moda.

Quella di internet è una di quelle spese. Quasi obbligatoria di questi tempi, specie da quando la pandemia ha fatto irruzione nella nostra quotidianità, costringendo persino il lavoro ad adeguarsi a una vita domestica. In questo senso, l’abbonamento a internet è essenziale, per regolare la nostra realtà lavorativa e sopperire alle esigenze di un’interconnessione necessaria a garantire gli standard di prestazione. Ma anche a lasciare spazio alla parte ludica che internet riserva.

LEGGI ANCHE >>> Come controllare le spese del conto corrente per evitare sorprese

LEGGI ANCHE >>> Bonus mobilità: quanti italiani hanno una nuova bicicletta

I costi di internet preoccupano? Ecco come riuscire a limitarli

Non è una spesa semplice. Spesso si tratta di svariate decine di euro al mese e, naturalmente, l’incidenza sul bilancio familiare si fa sentire. Tuttavia, nessuno di noi è disposto a rinunciare completamente a sostenerla e non solo per esigenze di lavoro. Internet è ormai parte integrante della nostra quotidianità, occupando larghissima parte della nostra giornata anche se non si utilizza Google o direttamente dei siti web. In questa situazione, individuare le occasioni di risparmio non è semplice. Certo, ci sarebbe l’hotspot telefonico, utilizzando quindi i giga del gestore telefonico.

Un paio di questioni però: innanzitutto capire l’offerta più vantaggiosa (alcune consentono di usufruire di parecchi giga a costi abbastanza contenuti). E poi se quanto viene concesso dall’offerta telefonica basta a soddisfare le nostre esigenze quotidiane di web. Dipende, naturalmente, da quale uso si fa di internet. Basti pensare a uno strumento come Netflix, utilizzatissimo e che necessita di un abbonamento. In questo caso, con i giga del telefono ci faremmo poco. Stessa cosa per Youtube. In poche parole, se si vuole risparmiare la soluzione dell’hotspot è limitata. A meno che non siamo disposti a rinunciare a una parte di internet quotidiano. Difficile…