Superenalotto, il jackpot sale a 119 milioni: c’è un solo modo per vincere

Il Jackpot sale a 119,9 milioni di euro e sono in tanti a chiedersi se esista un modo grazie al quale poter vincere. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

 

A partire dal lotto, passando per le slot machine e i gratta e vinci, fino ad arrivare alle scommesse sportive e al Superenalotto, sono davvero tanti i giochi a nostra disposizione, grazie ai quali poter tentare la fortuna. Alle prese con i vari impegni della vita quotidiana, d’altronde, prima o poi può capitare a tutti di sognare di cambiare la propria vita grazie ad una vincita milionaria e non a caso sono davvero tanti i giocatori che ad ogni estrazione sperano di essere baciati dalla dea bendata.

Se poi si pensa che dopo l’ultima estrazione il jackpot del Superenalotto è salito a 119,9 milioni di euro, è facile capire come mai ci sia tanto interesse nei confronti del mondo del gioco. In fin dei conti si tratta di cifre da capogiro, che finiranno nelle tasche del fortunato che riuscirà a centrare la combinazione vincente. Quest’ultima, nel caso del Superenalotto, è rappresentata da sei semplici numeri, compresi tra 1 e 90, che potrebbe stravolgere la vita di una famiglia. Ma esiste un metodo per vincere? Ebbene sì, ma la risposta non è scontata.

LEGGI ANCHE >>> Il Gratta e Vinci è solo divertimento? Il test per scoprire se sei dipendente dal gioco

LEGGI ANCHE >>> Vince 2 milioni al Superenalotto: i 10 consigli per non perdere la testa

Superenalotto, il jackpot sale a 119 milioni: è bello vincere ma occhio alla beffa

gestione-Vincita-superenalotto (1)

Ad ogni estrazione sono davvero in tanti a cercare di tentare la fortuna, con la speranza di riuscire ad aggiudicarsi il tanto ambito jackpot. Come ben noto, però, le probabilità di riuscire a realizzare questo sogno sono davvero molto basse. Basta considerare che secondo alcuni dati bisognerebbe vivere 5.500 anni per vincere al SuperEnalotto aspettando che la propria combinazione possa riuscire con una estrazione al secondo. Dati che non risultano migliori nemmeno per gli altri tipi di gioco, come ad esempio i Gratta e Vinci, dove per vincere bisognerebbe vivere 500 anni, controllando circa 300 biglietti al giorno.

Dati di per sé poco incoraggianti, a cui si aggiungono altre nozioni di probabilità e statistica che fanno capire come in realtà nella maggior parte dei casi si finisca per perdere. Una persona, d’altronde, vince quando le sue entrate sono maggiori delle uscite. Nella maggior parte dei casi, però, se si prendessero in considerazione tutte le giocate fatte fin dalla prima volta, ci si renderebbe conto che quasi sempre sono più i soldi spesi di quelli vinti. Allo stesso modo non vi sono trucchi matematici o di altra sorta che permettano di aggiudicarsi delle cifre da capogiro. L’unica soluzione per vincere sempre, infatti, è una sola: non giocare.