Sanremo 2021, quanto è costato tra ospiti, cantanti e conduttori: un patrimonio

Si spengono le luci sul palco di Sanremo: in questo periodo di crisi, tra ospiti e partecipanti, quanto è costato

Con un po’ di ritardo rispetto agli altri anni, è finito il Festival di Sanremo, quello del 2021. Ne sarà senz’altro contento il conduttore principale, Amadeus, che per cinque serate, l’anno scorso avrebbe guadagnato 500-600.000 euro e quindi potrebbe mantenersi su quelle cifre anche per la nuove edizione.

Gli ospiti più pagati invece, sarebbero secondo indiscrezioni, Ibrahimovic e Fiorello. 50.000 euro a serata per ognuno, sarebbe il compenso. Fiorello, porterebbe in questo modo a casa, 250mila euro per cinque puntate, mentre l’attaccante sarà presente solo per quattro sere e dovrebbe aggiungere ai suoi guadagni da calciatore, 200.000 euro, più 1.8 milioni di sponsor.

Altro ospite per tutte le serate sarà Achille Lauro, di cui cachet resta un mistero. Elodie, co-conduttrice di una sola serata, dovrebbe guadagnare 25.000 euro, così come le altre due co-conduttrici, Matilda De Angelis e Barbara Palombelli.

Leggi anche>>> Scommettere sul vincitore di Sanremo 2021? Ecco favoriti e quote

Leggi anche>>> Cosa ne pensa la Liguria di Sanremo 2021: la risposta sorprende tutti

A Sanremo non solo ospiti: tutti i costi

Passiamo ai cantanti della categoria Big, il “rimborso spese”, sarebbe di circa 48mila euro. Non è lo stesso per la categoria delle Nuove Proposte, anche se i dati potrebbero dover essere aggiornati. Stando a quanto si sa dal 2018, i giovani cantanti non porterebbero a casa più di 6.000 euro.

Per quanto riguarda i costi in generale della kermesse, per questa stagione, rispetto all’anno scorso, sono stati risparmiati 600mila euro. Lo spiegò durante la conferenza stampa di presentazione, Claudio Fasulo, tra gli autori del Festival. Lo stesso, viste le continue polemiche sull’organizzazione della campagna, ha ricordato che questa comporta: un’enorme compressione della spesa, ma non del prodotto”. 

Il prodotto tra l’altro, si autofinanzia e grazie agli sponsor, riesce alla fine a produrre sempre un bell’utile. Non è vero quindi, che a pagarlo, siano i contribuenti tramite il Canone Rai. Ancora una volta, a proposito di sponsor, quello unico sarà TIM, presente per il quarto anno consecutivo.