Attenzione: il virus del 2007 torna a rubare dati e soldi dai nostri conti

Una nota azienda di antivirus ha scoperto un malware estremamente pericoloso. Bisogna fare attenzione alla propria email se notate stranezze.

Vi avvisano di un malware per e-mail, ma è una truffa: attenzione

Un noto malware ciclico, che spaventa gli utenti dal 2007, è tornato in circolazione più forte di prima.

È quanto verificato da Avast la nota società antivirus che ha scoperto nuovamente il funzionamento di questo potente virus chiamato Ursnif.

Un virus estremamente pericoloso che agisce nell’ombra: Ursnif entra nel computer dei malcapitati spacciandosi per una mail che riguarda un importante aggiornamento o un sistema di protezione antivirus.

In questo modo una volta che viene scaricato rimane costantemente attivo, fino a che l’utente si collega alla sua banca tramite connessione internet ed a quel punto i malintenzionati rubano tutti i soldi dal conto bancario.

Truffa online, malware succhia soldi ha rubato a moltissime persone

Sono molte le truffe online che si stanno sviluppando in questo periodo in cui le persone sono certamente più fragili.

Una nuova truffa gira per i telefonini: un SMS da parte di PostaGiro che porterebbe a pensare ad un blocco della propria carta.

Nel messaggio è compreso un link che dovrebbe rimandare ad una possibile risoluzione del problema. Questo link non va assolutamente aperto, per nessuna ragione!

Il messaggio incriminato citerebbe questo testo, con anche alcuni errori di ortografia interni:

“Un nuovo tentativo di truffa vi avvisa con un SMS di una strana anomali su vostro conto PostaGiro. Non aprite assolutamente il link!”

Già da un messaggio del genere si potrebbe pensare, per i più svegli, ad un raggiro. Ma per chi dovesse inconsciamente cascare nel tranello, vi sono due ipotesi:

Nel primo caso, la migliore ipotesi, i malfattori potrebbero semplicemente capire che possono mandare altri messaggi alla vostra utenza. Nella peggiore, una volta cliccato, i ladri potrebbero rubare preziosi dati bancari personali.

Ma come si possono riconoscere queste truffe? C’è un modo molto semplice e che vale per tutti i tentativi di truffa sul social più usato.

Parliamo degli errori di ortografia contenuti nei messaggi truffa che ci vengono inviati. Questa è la modalità più semplice per riconoscere uno scam che vuole tentare di accedere ai dati del nostro conto corrente.