Netflix pronta ad investire in bitcoin, altre grandi aziende pronte a seguirla

Secondo l’investitore Tim Draper Netflix potrebbe ben presto investire in bitcoin. Ecco le motivazioni della scelta della nota azienda di distribuzione di film e serie televisive 

Netflix
Fonte Pixabay

La posizione di Netflix sul mercato mondiale di certo non va ricordata. Ormai da anni la piattaforma on demand è leader nel suo settore e molti utenti soprattutto tra i più giovani hanno un account.

Per questo motivo l’azienda statunitense starebbe ponderando di compiere un grande passo decisamente al passo coi tempi. Secondo l’investitore Tim Draper il fondatore Reed Hastings potrebbe ben presto investire in bitcoin.

Questo perché potrebbero fornire una copertura dal rischio inflazione dei “funny money dollars”. Inoltre sarebbe in linea con la creatività e l’innovazione di Hastings che essendo proprietario può decidere come e quando prendere questo genere di decisioni.

LEGGI ANCHE >>> Patiti di serie tv e film? Ecco l’abbonamento più conveniente

LEGGI ANCHE >>> Rivoluzione prezzi Sky, finalmente alla portata di tutti: le nuove tariffe

Netflix apripista: gli altri grandi colossi che potrebbero investire in Bitcoin

Successivamente Draper ha parlato anche di altre realtà che in virtù della loro fama e del loro potere avrebbero le potenzialità per cimentarsi in questo mercato futuristico. Google, Facebook e Apple sarebbero le imprese designate, che però sembrano più proiettate verso la creazione di monete di loro proprietà.

Più probabile che Amazon possa aprirsi in tal senso ed accettare i bitcoin come metodo di pagamento. Infatti già allo stato attuale si possono utilizzare i BTC per fare acquisti sul noto portale di distribuzione.

In generale in base alle considerazioni di Draper sono molteplici le aziende potenzialmente pronte per questa innovazione. Ritiene inoltre che anche i fondi pensione o coloro che gestiscono fondi altrui potrebbero uniformarsi per prevenire il rischio inflazione. Tanto, dovendo monitorare costantemente i mercati non avrebbero nessuna difficoltà a farsi trovare pronti all’investimento.