“Non avevo l’acqua calda, ma non ho mai smesso di sognare”: la favola di Elodie

Al fianco di Amadeus nel corso della seconda puntata della settantunesima edizione del Festival di Sanremo, Elodie è riuscita ad arrivare dritto al cuore del pubblico a casa con un monologo che racconta la sua storia. Ecco cosa è successo.

Elodie è riuscita a farsi conoscere e apprezzare dal pubblico grazie alla sua partecipazione ad Amici nel 2015. Un’esperienza che si è rivelata essere un importante trampolino di lancio per la cantante, che nel corso di quest’ultimi anni è riuscita ad affermarsi come una delle voci più apprezzate del mondo della musica italiana. Non a caso l’anno scorso ha preso parte alla settantesima edizione del Festival di Sanremo, esibendosi con il suo brano Andromeda.

Nel 2021, invece, è tornata sul palco dell’Ariston in qualità di co-conduttrice al fianco di Amadeus, nel corso della seconda puntata della kermesse canora. Una presenza, quella di Elodie, che è stata particolarmente apprezzata, con la cantante che ha ammaliato il pubblico a casa con la sua incredibile bellezza. Ma non solo, si è resa protagonista di un momento particolarmente commovente, quando ha deciso di raccontare la propria storia con un monologo che è riuscito ad arrivare dritto al cuore dei telespettatori.

LEGGI ANCHE >>> Laura Pausini, quanto guadagna la vincitrice del Golden Globe: patrimonio e stipendio

LEGGI ANCHE >>> Giovanna Civitillo, quanto guadagna la moglie di Amadeus? Patrimonio e stipendio

“Non avevo l’acqua calda, ma non ho mai smesso di sognare”: Elodie. Il monologo a Sanremo

Photo by Jacopo M. Raule/Getty Images

Oggi Elodie è una delle cantanti più conosciute e apprezzate del panorama musicale italiano. Prima di raggiungere il successo, però, ha dovuto fare i conti con vari no, come ad esempio quello ricevuto nel 2009 quando ha tentato di entrare a X Factor. Da allora ne è passato di tempo ed Elodie è riuscita a realizzare il suo sogno di diventare una cantante. Un percorso di crescita particolarmente intenso, quello vissuto dall’ex protagonista di Amici, che ha voluto condividere, direttamente dal palco dell’Ariston, le proprie emozioni.

Il mio quartiere mi ha dato tanto e mi ha tolto tanto e non parlo solo delle privazioni materiali, come non avere l’acqua calda o non riuscire ad arrivare a fine mese, ma parlo anche della voglia di sognare“, ha affermato la cantante nel corso della seconda puntata della settantunesima edizione del Festival di Sanremo. Elodie ha confessato di aver più volte pensato di rinunciare ad inseguire il suo sogno, fino a quando non ha incontrato una persona che ha creduto in lei, aiutandola a diventare la cantante che oggi noi tutti conosciamo.

A vent’anni avevo deciso che la musica era finita, avevo deciso di non fare più niente. Però sono stata molto fortunata. Ho conosciuto un pianista jazz, il suo nome è Mauro Tre e questa sera è con me sul palco“. La cantante, visibilmente emozionata, ha quindi proseguito: “Grazie perché mi hai dato una possibilità dove non me la sono data io. Tutti meritiamo una possibilità e tu mi hai fatto amare il jazz. Io sono stata la prima ad avere un pregiudizio su me stessa. Quello che mi ha insegnato Mauro è che non bisogna sempre sentirsi all’altezza delle cose, l’importante è avere il coraggio di farle e poi si aggiusta in corsa. Probabilmente io non sono all’altezza di questo palco, ma essere all’altezza non è più un mio problema, perché essere all’altezza è un punto di vista“.