Cashback, occhio ai rimborsi: cosa fare in caso di mancato pagamento

Fonte foto: web

La Consap ha annunciato che sono stati pagati i rimborsi a coloro che hanno partecipato al Cashback di Natale. Non tutti, però, hanno ricevuto l’accredito e per questo motivo è importante sapere come comportarsi.

Fonte foto: web

Il precedente governo ha deciso di dare il via al programma cashback con lo scopo di contrastare l’uso del contante e favorire, dall’altro canto, l’utilizzo di strumento elettronici quali carte di credito e bancomat. Un’iniziativa che ha avuto inizio in via sperimentale lo scorso 8 dicembre, grazie al cosiddetto Extra Cashback di Natale che ha attirato in poco tempo l’interesse di un grande numero di utenti. Tale fase si è conclusa il 31 dicembre, con il programma che continua ancora oggi a riscuotere un grande successo.

Sono davvero in molti, infatti, ad essere interessati dal rimborso del 10%, fino ad un massimo di 150 euro, che è possibile ottenere grazie al piano cashback. A tal proposito bisogna sapere che la Consap ha di recente annunciato di aver liquidato i rimborsi per il periodo di Natale, con gli ultimi movimenti che sono stati registrati entro il 26 febbraio. Non tutti, però, hanno ricevuto l’accredito sul proprio conto, oppure si sono ritrovati a dover fare i conti con degli importi inesatti. In ogni caso è possibile agire in modo tale da vedersi restituire quanto spetta. Ma come fare? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, rimborsi a rischio per alcuni pagamenti: scopriamo quali

LEGGI ANCHE >>> Cashback, attenti agli acquisti esclusi dal bonus: ve li diciamo noi

Cashback, occhio ai rimborsi: come presentare reclamo

In che modo i consumatori, sono danneggiati dai 'furbetti del cashback'
App Io (Fonte foto: web)

La Consap, incaricata dal Governo ad erogare i rimborsi, ha fatto sapere attraverso un comunicato stampa che dal 15 febbraio 2021 “data di avvio delle procedure, a oggi, Consap ha disposto oltre 3,2 milioni di bonifici per un totale liquidato di circa € 223 milioni €. Solo lo 0,04% dei bonifici non è andato a buon fine a causa di problemi relativi all’inserimento di IBAN non corretti o conti correnti bloccati o non più esistenti“. A tal proposito è bene sapere che in caso di errata compilazione dei dati o conto corrente bloccato non bisogna temere di perdere il proprio rimborso.

Al fine di ottenere il relativo accredito, infatti, è sufficiente inserire i dati corretti presso l’apposita sezione dell’app IO. Ma non solo, in caso di mancato accredito o importo errato, è possibile fare reclamo fino al 29 giugno 2021 attraverso l’apposito portale. È sufficiente creare un profilo utente seguendo la proceduta guidata di registrazione e avanzare la relativa richiesta. Consap, come fatto sapere, provvederà a fornire un’apposita risposta nell’arco di 30 giorni.