Logicamente, il Bonus diabete avrà vita anche nel 2021, ecco tutti i documenti da presentare all’Ente per riceverlo

Bonus diabete: come richiedere l'incentivo per il 2021
Social INPS (Fonte foto: web)

I malati di diabete hanno diritto ad una serie di agevolazioni, per aiutarli anche economicamente a curarsi. I pazienti, possono ottenere anche il riconoscimento della pensione anticipata se il loro livello di inabilità è pari o superiore all’80%. Per poter disporre di benefici ed esenzioni, bisogna presentare determinati documenti all’INPS, meglio sapere quali.

Spesso, l’inabilità è così incombente per la persona, da non consentirne una normale vita professionale. Se la Commissione sanitaria legale INPS riconosce la condizione invalidante, scatta il diritto ad assegni e trattamenti previdenziali. I familiari della persona invece, possono godere di permessi lavorativi previsti dalla Legge 104. Vediamo anche quindi, chi possiede i requisiti per tutte le agevolazioni.

Leggi anche>>> Bonus e ristori aboliti dal Premier Mario Draghi? Ecco qual è la verità

Leggi anche>>> Bonus asilo nido: si parte con le domande per ottenere fino a 3000 euro

Bonus diabete 2021: i documenti necessari

La prima cosa di cui munirsi è il certificato medico telematico. Se poi, non si è molto bravi con l’uso del web, non è condizione unica necessaria servirsi dei servizi INPS, ma si può chiedere aiuto anche ad un Patronato. Lì, dovremo portare il nostro codice fiscale, documento di identità valido, dai anagrafici. In più, aggiungere l’indicazione delle coordinate bancarie per l’accredito del bonus e il verbale attestante la condizione di invalidità.

L’alternativa, è accedere alla pagina “Invalidità civile-Invio domanda di riconoscimento dei requisiti sanitari da cittadino”. Se si dispone di SPID, sarà possibile procedere in totale autonomia. SPID, non unica soluzione, seguita anche da Carta nazionale dei servizi o Carta di identità elettronica.

La documentazione per chi procede da solo non cambia, ma c’è da compilare la richiesta inserendo i dati seguiti da numero di certificato medico e le altre informazioni richieste dall’Ente. Dopo l’acquisizione della richiesta, sarà l’INPS a comunicare data e luogo di convocazione per la visita di accertamento. Alla commissione sanitaria, bisognerà mostrare tutta la documentazione medica attestante la patologia, il documento di identità e la tessera sanitaria.