Testamento senza notaio: come avere un documento valido

Un testamento può essere valido anche se non ci si reca dal notaio? È possibile risparmiare tutti quei soldi per un atto? Scopriamo come fare.

Un testamento può essere valido anche se non ci si reca dal notaio? È possibile risparmiare tutti quei soldi per un atto? Scopriamo come fare.

testamento convivente
Fonte pixabay

Siamo soliti pensare che per gestire i nostri beni patrimoniali, dobbiamo sostenere delle spese importanti e recarci necessariamente da un notaio. Se vi dicessi che è possibile dichiarare le proprie volontà, comodamente da casa vostra, senza sborsare una cifra esagerata? Scopriamo insieme in questo articolo come impugnare la penna e scrivere i nostri “ultimi desideri”.

LEGGI QUI >>> Testamento a favore del convivente: quando è tutelato il diritto all’eredità

LEGGI QUI >>> Conto Bancoposta: a chi richiedere le somme se muore il titolare?

Testamento senza notaio: come procedere da soli

Secondo l’articolo 601 del codice civile, ogni cittadino ha diritto a manifestare le proprie volontà e di destinare i propri beni a qualcuno. Solitamente questi processi vengono svolti con l’aiuto di una figura professionale come quella del notaio. Ora vedremo in breve come evitare di sostenere le spese notarili e fare un testamento. Per validare le volontà testamentarie senza un notaio, innanzitutto bisogna rispettare alcune condizioni.

  • Il testamento deve essere “olografo” cioè che deve essere scritto solo ed esclusivamente dal titolare dei beni. Il foglio deve riportare la calligrafia dell’interessato. È importante per manifestare la volontà relativa alla spartizione dell’eredità.
  • Deve essere specificatamente espressa la data dil testamento. Sul foglio Sarà riportata l’indicazione precisa del giorno, del mese e dell’anno di stesura.
  • Infine, al fine di verificare la validità della dichiarazione, è fondamentale apporre la firma. L’interessato dovrà firmare il testamento in modo leggibile, con nome e cognome oppure con soprannomi o espressioni a lui riconducibili.

Una volta scritto il documento, le strade da prendere sono due: o  si può decidere di consegnare il documento ad un notaio oppure direttamente ai legittimi eredi.
Consegnarlo nelle mani di un notaio, comporterà la necessità di pagare le spese notarili.  Al fine di risparmiare un’importante somma, consigliamo di depositare l’atto in casa o indicare ad una persona di fiducia il luogo in cui lo si custodisce.