12 miliardi in meno nelle casse italiane: il turismo è perso

la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell'agricoltura italiana.

L’estate senza turisti costa 11,2 miliardi di Euro all’Italia. Un bar su due chiude. Tutti i dati pubblicati della Coldiretti.

L’assenza di turisti in Italia inizia A farsi sentire. Ben 23,3 milioni i viaggiatori nel 2020 , nel periodo tra giugno e settembre, hanno rinunciato a visitare l’Italia, per via della situazione Pandemica in corso. Un locale su 5 è stato costretto ad abbassare le serrande e le chiusure, aumentano a vista d’occhio. Numeri da record: 12 i miliardi registrati in meno nelle casse dello Stato.

LEGGI QUI >>> Covid: cifre che spaventano, quanto hanno perso le famiglie italiane in termini di reddito

LEGGI >>> In arrivo un grande aiuto per le famiglie: come ottenere la Carta acquisti 2021

Le parole della Coldiretti

Dalle città d’arte, agli impianti sciistici, alle spiagge più belle d’Italia. Tutti sono stati costretti a limitare le loro attività durante tutto l’anno 2020, (e sembra che la situazione non voglia proprio migliorare). La Coldiretti (Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti) ha pubblicato dati relativi all’andamento delle attività produttive e commerciali in Italia durante il periodo Covid. La sospensione delle attività Lavorative durante il lockdown, hanno pesato molto sulla vendita di prodotti agroalimentari italiani. “Circa 300 milioni di chili di carne bovina, 200 mila bottiglie di vino e 250 mila di kili di pescato, non sono stati acquistati e mai arrivati sulle tavole dei locali italiani”. Sono circa 700 mila industrie,740 mila le aziende agricole e 3,6 milioni di lavoratori, i coinvolti da questa situazione. Sono dati importanti che fanno riflettere. Quali sono le conseguenze di questa crisi produttiva?

Nuovi orizzonti per la ripresa italiana

L’italia è un paese fortemente dipendente dal turismo. Le mancate spese di alloggio, intrattenimento, trasporti, cultura e souvenir porteranno un indebolimento del sistema produttivo. Non ci resta che aspettare tempi migliori.  L’ipotesi di passaporto vaccinale, sarà un passo determinante per la ripresa dell’economia e del turismo.