Il Jackpot del SuperEnalotto rimane inviolato e ora raggiunge l’astronomica cifra di 113 milioni, ma c’è una grande vincita lo stesso.

Giovedì 25 febbraio senza il “6” nè il “5+1” al SuperEnalotto. Ora il jackpot sale a oltre 113 milioni di euro. Sei fortunati hanno centrato il “5“: vincono 32.493 euro.

La combinazione vincente SuperEnalotto:  13 26 42 71 72 73
Numero Jolly: 62
Numero SuperStar: 30 

Ma è un altro gioco della Sisal a regalare un grande sogno. Protagonista la Lombardia, come segnala Agimeg, un fortunato giocatore ha indovinato i cinque numeri del VinciCasa e si è portato a casa 500mila euro. I numeri magici dell’estrazione: 3, 7, 16, 20, 40. Numeri che quell’uomo non dimenticherà mai più. Ed è felice, certo, ma solo per se stesso.

LEGGI ANCHE >>> Vincere i 112 milioni del SuperEnalotto grazie ai sogni: il test

LEGGI ANCHE >>> Gratta e Vinci, essere baciati dalla fortuna è possibile: ecco quali acquistare

SuperEnalotto, nessun 6 ma c’è una vincita da sogno: un ex camionista sistema la famiglia

La vincita sogno è stata realizzata in provincia di Milano, ad Abbiategrasso, al Sisal Bar Centrale di via Matteotti, lo segnala l’agenzia Agimeg che racconta anche la felice storia del fortunato giocatore.

Un uomo che ha sempre lavorato duramente per la sua famiglia: oggi è felice per la moglie e soprattutto per i suoi 3 figli. Ha vinto una casa del valore di 300mila euro e 200mila in contanti da spendere a proprio piacimento. Il giorno prima la grande vincita, l’ex camionista aveva vinto 2 euro e con quelli ha provato a giocare nuovamente, in lui c’era il desiderio di sistemare i figli. E ce l’ha fatta.

Il vincitore ha detto che continuerà a giocare perché secondo lui giocare è anche un’occasione per sognare una vita migliore e anche solo immaginarla spesso aiuta a pensare positivo e a vivere meglio le fatiche di ogni giorno. Ma la cosa più importante che ho insegnato ai miei figli è che i desideri hanno senso solo se finalizzati a scopi positivi e la famiglia è certamente al primo posto. Mi sento un buon padre perché so di avere cresciuto figli buoni che hanno testa e cuore”.