Come finirà la crisi da Covid: Draghi e il mondo della finanza già sapevano?

Cosa succederà dopo la crisi causata dal Covid? Pare che Mario Draghi e l’economia mondiale, abbiano già deciso tutto

Come finirà la crisi da Covid? Draghi ha già programmato tutto
Mario Draghi (Fonte foto: web)

Gira in rete un documento, di cui titolo è Reviving and Restructuring the Corporate Sector Post-Covid”. Cos’avrà di eccezionale rispetto agli atri? Il fatto che le frasi che si possono leggere all’interno di questo breve video, proverrebbero dagli esponenti stessi della finanza mondiale.

Secondo alcune ricerche, loro, ed anche Mario Draghi, ex presidente della BCE, avrebbero già deciso di cosa ne sarà del nostro futuro. Praticamente, mentre lavoratori e famiglie brancolano ancora nel buio per cosa ne sarà di noi alla fine della pandemia Covid, c’è invece, chi già avrebbe deciso per tutti.

Leggi anche>>> Cartelle ed avvisi: pagamenti al via dal 1° marzo, ma Draghi tace

Leggi anche>>> “Qui non c’è Covid”: la strana storia dell’isola sfuggita al virus

Cosa succederà dopo la crisi Covid: chidere a Draghi

Secondo le fonti di radioradio.it, non ci sarebbero dubbi, ed un documento risalente a dicembre 2020, sarebbe già stato firmato e pubblicato, ma parla di cosa succederà tra molti mesi, forse almeno un anno dopo la sua pubblicazione stessa. Da chi sarebbe stato redatto? Dal Gruppo dei Trenta finanzieri e banchieri accademici più importanti al mondo.

E cosa si evince quindi, vi chiederete, un po’ anche incuriositi di sapere a cosa staremmo andando incontro. Salterebbe, tra i tanti punti, il termine corporate sector. Se questo documento fosse reale, chi se ne è occupato, dice, ci farebbe riflettere sul fatto che si punterà dopo la pandemia a far rinascere e ristrutturare le corporazioni, ovvero le multinazionali, le imprese di spessore, che necessiteranno di un supporto di lungo periodo.

Lungo periodo, su cui riflettiamo perché sempre in quel documento esce la tanto amata parola resilience. Dove l’avremo già letta, in termini di politica, vi chiederete. “Piano nazionale di ripresa e resilienza“, vi dice nulla? Il documento prodotto proprio dall’Italia per essere consegnato all’Unione Europea in cambio dei Recovery Funds, soldi che avremo con il governo Draghi. In attesa di saperne di più, il documento si può cercare in rete.