Si deciderà per il Supercashback, intanto i premi del Cashback di dicembre sono tutti arrivati a chi ha partecipato

Cashback: arrivati tutti i premi di dicembre per un totale di 233 milioni
Ricevere soldi (Fonte foto: web)

Purtroppo, in Italia, tutte le iniziative possono diventare un’arma a doppio taglio. Infatti, se da una parte i più onesti possono vedersi riconoscere un bonus che fa comodo, dall’altra bisogna fare i conti con i furbetti, che di fatto, stanno facendo andare lo Stato verso un ripensamento per il premio semestrale, Supercashback.

Hanno infatti, giustamente protestato i tanti commercianti (benzinai in cima alla lista), per chi faceva il furbo, frazionando i singoli pagamenti. Ma a parte questa parentesi, sembra proprio che l’innovativo concorso Cashback, sia andato molto bene, già nella prima fase sperimentale del 2020, quella di dicembre.

Leggi anche>>> Cashback, proseguire o no? L’ardua scelta del nuovo governo

Leggi anche>>> Controllano il conto corrente e ci sono dei soldi in più: come mai

Cashback di dicembre: l’annuncio della Consap

In tanti hanno partecipato ed ora, possono sorridere. Ma sorride anche lo Stato stesso, perché chi era un po’ più scettico, sta vedendo oggi, grazie a terzi, la riuscita dell’iniziativa. Grazie anche alla celerità di chi lavora al progetto, come ha comunicato Consap Spa. La società infatti, fa sapere che nel pieno rispetto delle scadenze programmate, e con i mandati di pagamento disposti in data 24/02/2021, la fase di liquidazione dei rimborsi si è conclusa.

Parliamo di quella per chi ha partecipato all’iniziativa per il periodo 8-31 dicembre 2020. Gli ultimi movimenti saranno contabilizzato entro e non oltre oggi e gli accrediti avranno luogo entro il rispetto dei tempi bancari. A partire dal 15 febbraio, data di inizio delle procedure, ad oggi, Consap ha disposto oltre 3,2 milioni di bonifici per un totale liquidato di circa 223 milioni.

C’è stato un solo problema, relativo a bonifici che non sono andati a buon fine, si parla di uno 0,04% di essi. Le motivazioni, sono legate a problemi sull’inserimento del corretto IBAN, o su conti correnti bloccati o inesistenti.