Quando la spesa sembra ormai destinata solo al cofano dell’auto, si palesano le casse e le loro “tentazioni”. In grado, anche se non sembra, di spostare gli equilibri.

Supermercato spesa
Foto di Igor Ovsyannykov da Pixabay

In tempo di pandemia quasi ogni gesto si tramuta in una guerra di nervi. Inutile dire che il gesto di fare la spesa, specie durante il lockdown, ha assunto particolare rilevanza in ambito sociale. La coda ai supermercati è diventata una sorta di emblema della pandemia, o perlomeno del suo periodo più duro, assumendo il ruolo di istantanea della quotidianità rivoluzionata, dei gesti semplici complicati dal coronavirus. Ed ecco che, in questo contesto, anche la cosa più naturale del mondo come fare la spesa diventa una questione di strategia.

Anche al supermercato, dunque, bisogna tenere gli occhi aperti. Per non creare situazioni spiacevoli naturalmente, ma anche nell’ottica di risparmiare il più possibile cercando di non far mancare nulla nella nostra dispensa così come nel nostro frigorifero. Nei giorni scorsi avevamo visto come fosse possibile uscire dal supermarket avendo preso tutto il necessario con appena 20 euro. Ecco, anche un occhio in senso inverso può far bene.

LEGGI ANCHE >>> Irpef, in arrivo la mazzata da 3.000 euro: chi rischia

LEGGI ANCHE >>> Incentivo ai pagamenti Pos: il Fisco premia la via del cashless

Spesa finita? Nemmeno per sogno: alle casse non si paga soltanto…

In alcuni casi, e questa è quasi una logica del mercato, è il supermarket spesso che ci induce a comprare. E vista la situazione complicata, ci può stare che le attività commerciali cerchino di adottare quelle strategie silenti in grado di facilitare la capacità (e anche la voglia) di acquisto dei clienti. E, di conseguenza, di far lievitare le spese in cassa, anche non previste. In questo caso, a far suonare l’allarme rosso è la cassa, ovvero il luogo di pagamento e poi di uscita. Ma anche di un accumulo di prodotti che, molte volte, non è facile far finta di non vedere.

Il “trucco”, se così si vuole chiamare, è semplice. L’attenzione cala, visto che siamo ormai in uscita. In più, trattandosi quasi sempre di cose sfiziose, l’induzione a comprare qualcosa potrebbe essere più forte di noi. Aggiungere questi prodotti (che sia un pacchetto di gomme, uno di batterie, una lampadina o anche una tavoletta di cioccolato) potrebbe sembrare niente, quando in realtà sposta gli equilibri. Questo perché un singolo prodotto potrebbe costare molto di più di quello che abbiamo finora risparmiato con oculatezza. Un occhio in più fa sempre bene.