Vivere da soli comporta una serie di spese che a fine mese sono piuttosto considerevoli. Scopriamo insieme quali sono i costi di un single e a quanto ammontano 

Vivere da soli
Fonte Pixabay

Arriva un punto della vita in cui si decide di fare i bagagli e lasciare definitivamente la casa dei propri genitori. Avere un’indipendenza in tal senso è un obiettivo di molti giovani, che però alle volte sono costretti a riporre il sogno nel cassetto per ragioni meramente economiche. 

Pur non essendo standard, le spese ci sono e ovviamente bisogna farci i conti. Naturalmente il punto di partenza è capire dove si vuole andare a vivere. Una volta stabilita la sede della propria dimora si possono valutare gli aspetti economici.

Vivere in città è sicuramente più dispendioso rispetto al paese, ma al contempo offre più opportunità di lavoro. In generale è normale che i ragazzi abbiano determinate aspirazioni e vogliano godersi il tempo libero con le diverse opportunità di svago tipiche dei grandi centri.

LEGGI ANCHE >>> [Guida] Quanto costa un conto corrente? Le spese fisse e variabili

LEGGI ANCHE >>> Sospetto tradimento? Niente paura, c’è l’investigatore privato: quanto costa

Vivere da soli: i costi da affrontare e la spesa totale mensile

L’affitto di un monolocale a Roma ad esempio si aggira tra i 450 e gli 800 euro. La zona è una variabile importante. Più è centrale è provvista di servizi più il costo sale. La seconda spese è quella delle bollette di luce, gas e condominio.

In questo caso è difficile fare una stima visto che molto dipende dal gestore, dalla tipologia di contratto e dalle abitudini casalinghe. Passare più tempo a casa sicuramente comporta un maggior dispendio di energia elettrica. Con 50 euro al mese si dovrebbe riuscire a sopperire, ma non è detto.

Il “problema” Internet può essere ovviato con i numerosi giga del propria offerta telefonica. Facendo hotspot li si può utilizzare anche per connettersi con pc, tablet e smart tv. Quindi con poco meno di 10 euro il gioco è fatto. Ultimi ma non per importanza sono i costi per andare al lavoro (benzina o mezzi pubblici) e per la spesa settimanale. Anche in queste circostanze azzardare delle previsioni non è semplice. Distanza e gusti personali giocano un ruolo determinante.