Buone notizie in arrivo per coloro che non hanno la partita IVA. A breve, infatti, il governo dovrebbe approvare un bonus da 1.000 euro a favore di una platea più ampia di soggetti.

soldi denaro 1000 euro
adobe

L’ultimo anno è stato segnato dal Covid che ha influito in modo negativo sulle vite di tutti noi, sia dal punto di vista sociale che economico. Molti imprenditori, purtroppo, hanno dovuto chiudere, o comunque sospendere, le proprie attività, con inevitabili ripercussioni sulla gestione del budget famigliare. Proprio in questo contesto, quindi, il governo ha deciso di offrire una forma di sostegno economico grazie a vari sussidi e bonus.

In seguito al crollo del Governo Conte bis, però, si è assistito ad un allungamento delle tempistiche per l’approvazione di nuovi provvedimenti a favore dei soggetti maggiormente colpiti dalla crisi economica. Adesso che il nuovo esecutivo, guidato da Mario Draghi, ha finalmente ottenuto la fiducia, quindi, si resta in attesa di scoprire quale sarà la linea adottata dal governo. In particolare, tra le misure più urgenti, si annovera il Decreto Ristori 5 che, stando ad alcune indiscrezioni, potrebbe riservare delle importanti novità a favore anche delle persone senza partita IVA, ovvero un bonus da 1.000 euro.

LEGGI ANCHE >>> Dallo smartphone alle auto: basta bonus a pioggia, quali sono a rischio

LEGGI ANCHE >>> Bonus 600 euro, INPS chiede soldi indietro: quali persone dovranno restituirlo

Bonus 1.000 euro anche senza partita IVA: novità in arrivo grazie al Decreto Ristori 5

Bonus 1000 euro
Fonte: Pixabay

Dopo il crollo del Governo Conte Bis, Mattarella ha affidato la guida del nostro Paese a Mario Draghi. L’ex governatore della Banca Centrale Europea è ufficialmente il nuovo presidente del Consiglio dei Ministri e tra le priorità a cui dovrà far fronte si annovera senz’ombra di dubbio il Decreto Ristori 5. Ebbene, proprio a proposito di questa misura, sembra che l’esecutivo sia pronto ad ampliare la platea dei beneficiari del bonus 1.000 euro, erogandolo anche a favore dei lavoratori autonomi senza partita IVA.

Quest’ultimi devono essere iscritti solamente alla Gestione Separata. Ma non solo, al fine di ottenere il bonus dovranno mostrare di avere almeno un contributo mensile ed essere titolari di contratti autonomi occasionali. Quest’ultimi, così come i precari, ma anche gli stagionali e i professionisti, inoltre, dovranno dimostrare di aver attivato un contratto di lavoro nel periodo compreso tra l’1 gennaio e il 29 ottobre 2020.