Buone notizie per tutti coloro che hanno deciso di aderire al programma cashback. A breve, infatti, potranno fare i conti con una gradita sorpresa. Entriamo nei dettagli e vediamo di cosa si tratta.

Cashback, operazioni non aggiunte: dove troviamo il modulo per il ricorso
Cashback (Fonte foto: web)

Inizialmente previsto per il 2021, alla fine il precedente esecutivo ha deciso di dare il via al bonus Cashbak a partire dall’8 dicembre 2020. In questo modo, infatti, si è cercato di incentivare le persone a fare acquisti durante il periodo natalizio, contribuendo a dare una mano alle varie imprese che si ritrovano, purtroppo, a dover fare i conti con la crisi economica causata dal Covid. Tale programma, ricordiamo, prevede un rimborso del 10%, fino ad un massimo di 150 euro, a patto che si raggiunga un numero minimo di transazioni.

Per quanto riguarda l‘Extra Cashback di Natale, ad esempio, per aver diritto al rimborso bisogna aver effettuato almeno 10 transazioni nel periodo compreso dall’8 al 31 dicembre 2020. Numerose le persone che hanno preso parte all’iniziativa e che sono quindi in attesa di ricevere i relativi accrediti. Ebbene, proprio in tal senso bisogna sapere che ci sono ottime notizie. Sono, infatti, in arrivo i primi pagamenti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo quali sono le tempistiche e come comportarsi.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, rimborsi a rischio per alcuni pagamenti: scopriamo quali

LEGGI ANCHE >>> Cashback, attenti agli acquisti esclusi dal bonus: ve li diciamo noi

Cashback, finalmente arriva la notizia che tutti stavano aspettando: al via i primi rimborsi

In che modo i consumatori, sono danneggiati dai 'furbetti del cashback'
App Io (Fonte foto: web)

Come già detto, per aver diritto ai rimborsi dell’Extra Cashback di Natale bisogna aver effettuato almeno 10 acquisti nel periodo compreso dall’8 al 31 dicembre 2020. I pagamenti, come noto, devono essere stati svolti attraverso l’utilizzo di bancomat o carte di credito appositamente registrate sull’app Io. In molti sono riusciti a centrare l’obiettivo e a breve potranno finalmente ricevere i tanti attesi rimborsi. Alcuni hanno già ricevuto l’accredito, mentre gli altri non devono preoccuparsi. Il termine per l’erogazione, infatti, è fissato al prossimo 1 marzo.

In tal senso è bene ricordare che per ottenere il rimborso non bisogna fare alcun tipo di richiesta, in quanto il pagamento avviene in modo automatico. Proprio per questo motivo, nel caso in cui vi dovessero arrivare delle e-mail o sms con l’invito a compilare dei moduli, prestate la massima attenzione. Si tratta di tentativi di truffa. Se invece avete ricevuto l’accredito, ma l’importo non corrisponde a quanto avreste dovuto ricevere, potete fare reclamo. Per presentare ricorso, infatti, c’è tempo fino al prossimo 29 giugno.