Canone Rai, esenzione con la 104: chi ne ha diritto e perché

Chi sono i soggetti esenti dal pagamento del Canone Rai e come fare richiesta: il vademecum per il 2021.

Canone Rai

C’è stato un prima e un dopo per il pagamento del canone Rai. La data limite è stata il 1973, quando l’esenzione dal pagamento della tassa sul servizio televisivo smise di essere applicata a tutti gli invalidi civili. Da quel momento, infatti, tale esenzione non viene più prevista a norma di legge, la quale tuttavia si riserva alcune soluzioni per far sì che, per determinate categorie di persone, si possa accedere a degli sconti pari anche al 100% del dovuto.

Un caso è quello identificativo: usufruire dei benefici della legge 104 e risiedere in una casa di riposo. In questi casi, infatti, chi offre il servizio potrà decidere di applicare lo stop alla tassazione, purché gli interessati abbiano fatto specifica richiesta all’Agenzia delle Entrate. La quale può avvenire in modo molto semplice, con la compilazione di un modulo che avrà validità di dichiarazione sostitutiva.

LEGGI ANCHE >>> Canone Rai, quadro esenzione: chi può usufruire di sconti fino al 100%

LEGGI ANCHE >>> Canone Rai 2021, qualche soluzione per non ritrovarselo in bolletta

Canone Rai, esenzione con la 104: ecco chi altro non è tenuto al pagamento

In sostanza, i requisiti per accedere all’esenzione dal canone Rai vengono determinati dalla stessa 104. Dal momento che la normativa in questione prevede un grado di disabilità che va da quello a lieve a quello grave, la maggioranza delle esenzioni viene concessa solo a chi rientra nei livelli più seri. Il riconoscimento può essere concesso previa specifica presentazione all’Inps della domanda, correlata da un certificato medico che attesti la disabilità e la sua natura. A seguito dell’individuazione dei diritti sia economici che previdenziali dei quali fruire, starà a una commissione medica dello stesso Inps a valutare l’idoneità.

Per quanto riguarda il canone Rai, sono diverse le categorie che non sono tenute al saldo della tassa. Innanzitutto coloro che possiedono un reddito minore di 8 mila euro l’anno e abbiano dai 75 anni di età in su. Inoltre, coloro che in casa non possiedono il televisore pur usufruendo del servizio dell’energia elettrica. Altra condizione, gli over 75 che vivono con colf e badanti. A condizione che, come sopra, il reddito sia inferiore agli 8 mila euro annui. La domanda di esenzione può essere presentata anche tramite Pec all’indirizzo cp22.canonetv@postacertificata.rai.it.