La società PagoPa, dopo le ultime insistenti segnalazioni, ha iniziato ad indagare sui pagamenti per raggiungere il Super Bonus Cashback

Premio Super Bonus Cashback: ecco come verranno esclusi i furbetti
Pagamento cashless (Fonte foto: web)

Una buona notizia per chi vuol ricevere il bonus, senza trovare escamotage. Parliamo dei famosi furbetti, che trovando le falle nel sistema, sono riusciti nell’intento di scalare la classifica per il Super Bonus finale di ben 3.000 euro.

I famosi furbetti, dilazionavano i pagamenti, anche per un acquisto unico, attraverso più transazioni. Purtroppo non c’è illegalità in questo passaggio, a discapito però dell’esercente, costretto a pagare ad ogni mini-pagamento, la sua tassa.

Un povero benzinaio di Fidenza per esempio, si è ritrovato di fronte un cliente a causa del quale, per un rifornimento da 60 euro sono state addebitate commissioni pari a 23 euro. Ma sono servite, le tantissime denunce, proprio degli esercenti, benzinai in primis.

Leggi anche>>> Bonus cashback, 148 transazioni per un pieno: furbetti nel mirino del Fisco

Leggi anche>>> Cashback e Intesa SanPaolo, un’accoppiata che dà un preciso vantaggio

Il Super Bonus Cashback è per chi si comporta correttamente

Sull’argomento, è intervenuto Alessandro Zavalloni, segretario nazionale Fegica Cisl: “il 20 gennaio scorso Fegica Cisl avrebbe chiesto dei correttivi alle regole del cashback al ministero dell’Economia e delle Finanze e all’Agenzia delle Entrate. Ovviamente non tocca a noi decidere cosa fare, – Spiega – ma un’idea ce l’abbiamo: vietare più operazioni in un lasso di tempo breve nello stesso negozio, perché il problema non riguarda solo i benzinai ma tutti gli esercizi commerciali”.

Intervenuta anche, Confcommercio a favore degli esercenti. Questi, richiedono una norma che possa evitare le furbate per scalare la classifica, dove magari questi furbetti verrebbero anche premiati con 3.000 euro.

Ma ora, questi furbi potrebbero non avere tanto futuro. Infatti, sono servite le segnalazioni al Ministero dell’Economia, perché si starebbe valutando il modo per escluderli dal Super Bonus Cashback finale. La società PagoPa starebbe già individuando i pagamenti troppo ravvicinati da pochi centesimi l’uno con intenti fraudolenti.