Nonostante venga usata ogni giorno da milioni di persone, le funzionalità e le caratteristiche della carta di debito non sono sempre conosciute al meglio.

Carta di debito

Innanzitutto bisogna precisare che quello che noi chiamiamo comunemente Bancomat, altro non è che il circuito nazionale di debito. La prima carta di debito bancaria nasce nel 1983 e sarà destinata al circuito Bancomat. All’inizio poteva essere utilizzata esclusivamente per prelevare contanti presso gli sportelli di tutto il territorio nazionale.

Solo nel 1986 viene abilitata al servizio POS per il pagamento, l’anno successivo viene introdotto il circuito PagoBancomat. Nel 2019 infine, nasce BancomatPay per il pagamento istantaneo tra titolare della carta ed esercenti e per gli acquisti online.

Leggi anche>>> Pagamenti online con carta di credito: cosa cambia dal 1° gennaio 2021

Leggi anche>>> Pagamento con carta di credito o bancomat, si può rifiutare? Cosa dice la legge

Come riconoscere una carta di debito

La carta di debito è costituita da una tessera plastificata, con dimensioni definite dallo standard ISO/IEC 7810 ID01: 85,60 × 53,98 mm e spessore di 0,76 mm con inserito un microchip. Sulla parte posteriore sono stampati il nome del titolare e il numero della carta di debito. Nel retro invece si trovano una banda magnetica e un codice di sicurezza.

A chi sono rivolte le carte di debito

La carta di debito può essere richiesta dal titolare di un conto corrente bancario o postale. Sono previste delle carte di debito riservate ai minori di anni 18, pensate e sviluppate per essere pratiche e vantaggiose negli acquisti online, ma con le quali si possono anche effettuare prelievi presso gli ATM italiani e stranieri. Sono poi previste delle carte di debito associate a conti correnti aziendali, quindi una carta utile principalmente per liberi professionisti e imprenditori. Questa tipologia di carta è riconosciuta dai circuiti MasterCard e Visa e permettono all’imprenditore di effettuare acquisti e prelievi in Italia e all’estero, le cui spese verranno immediatamente detratte dal conto aziendale.

Quali sono i circuiti delle carte di debito più sicuri?

Le carte di debito negli anni si sono dotate di elevati standard di sicurezza. Non bisogna però dimenticare che la carta di debito è direttamente collegata a conto corrente, quindi nel momento in cui il titolare si appresti ad effettuare una qualsiasi operazione è buona norma riporre la massima attenzione per evitare situazioni spiacevoli, come furti di dati o truffe.

Il logo stampato sulla carta, indica la società che gestisce il circuito di pagamento. La carta di debito è collegata ai circuiti di pagamento PagoBancomat o VPay.

Quali operazioni si posso effettuare con la carta di debito?

In tutto il territorio nazionale con la carta di debito si ha la possibilità di effettuare diverse operazioni presso gli sportelli automatici. Si può prelevare denaro, effettuare ricariche telefoniche, consultare il saldo dell’estratto conto, versamento denaro o assegni, pagare. le bollette.

La carta di debito si può utilizzare anche all’estero?

PagoBancomat o VPay sono accettati non solo in Italia ma anche all’estero, in particolare in Europa. Per funzionare all’estero il titolare dovrà chiedere alla propria banca se la propria carta di debito sia abilitata ai circuiti internazionali più importanti quindi Maestro, Mastercard, Visa, Visa Debit, o Visa Electron.

La carta di debito fuori dal territorio nazionale è utile per acquisti presso gli esercenti, per comprare servizi e per prelevare denaro. Sarà sufficiente inserire la carta nell’apposito apparecchio  e digitare il PIN. Non sarà quindi più necessario partire con grandi quantità di denaro, inoltre si eliminerà il problema di andare in banca per effettuare il cambio valuta nel caso il titolare della carta si trovi all’estero.

Carta di debito: come funziona con gli acquisti online

Carta di debito: come effettuare pagamenti

Le carte di debito sono carte sicure in quanto hanno un codice PIN che serve per ottenere l’autorizzazione all’operazione bancaria da parte dell’istituto emittente. Di conseguenza si possono usare in qualsiasi acquisto online, basterà appunto inserire i dati della carta.

Bisogna però fare una precisazione a riguardo. Infatti nei pagamenti online negli anni sono aumenti i livelli standard di sicurezza. Le carte di debito hanno un codice CVV2 che permette di confermare le transazioni. Sono previsti inoltre delle opzioni di sicurezza aggiuntive che possono essere configurate dal titolare della carte. Per esempio il circuito Mastercard prevede il Mastercard Identity Check.

Nonostante ciò è bene ricordare che le carte di debito sono collegate direttamente a un conto corrente, quindi il rischio di truffe o di furto di informazioni personali è maggiore, si consiglia quindi di ricorrere alle prepagate per gli acquisti online o per prelevare denaro all’estero.

Quando vengono addebitati i pagamenti?

La carta di debito è un metodo di pagamento che prevede l’addebito diretto delle spese sul conto corrente bancario del titolare.

Quando la carta di debito è collegata a un conto corrente bancario o precariato, allora si parlerà di carta prepagata ricaricabile. Questo strumento non permette i pagamenti rateali e tutte le spese vengono addebitate istantaneamente, nel momento stesso in cui vengono effettuate.

I costi e modalità di emissione delle carte di debito

La carta di debito viene emessa e inviata all’indirizzo di residenza nel momento in cui si apre un conto corrente. Bisogna però stare attenti ai costi, i quali variano a seconda della banca ove si decide di aprire un conto. In particolare da considerare saranno:

  • canone mensile
  • commissioni per il prelievo di contanti
  • commissioni per i pagamenti.

Bisogna però valutare anche altri costi. In particolare i costi di commissioni per i prelievi all’estero, i quali variano a seconda del tipo di circuito associato alla propria carta di debito, partendo da 2 euro fino a 4 euro in zona Euro, per aumentare esponenzialmente al di fuori della zona Euro. Questo problema può essere superato acquistando una una carta di debito internazionale.

Cosa fare in caso di furto o smarrimento

In caso di furto o smarrimento della propria carta sarà necessario recarsi nella propria banca o chiamare il numero verde in modo da bloccarla e impedire i prelievi da parte di terze persone. In caso di prelievo fraudolento comunque non si dovrà pagare più di 50 euro rispetto a ciò che è stato effettivamente speso dal soggetto terzo. Tutto il denaro sottratto dopo la segnalazione alla banca dovrà invece essere restituito. Si dovrà poi procede alla denuncia, la quale sarà requisito necessario per poter chiedere il rilascio di una nuova carta di debito.

I numeri verdi per il blocco della carta

I numeri verdi per il blocco della carta di debito sono:

Emittente Blocco Italia Blocco estero (+39)
Agos Ducato 800-822056 02 -60843768
American Express 06-72900347 Dal Messico: 018-001231690  Da altri Paesi: +800-26392279
Banca Fideuram 800-825099 02-8913753
Banco Bpm 800-207167 0432-744106
Banca Sella 800-66-33-99 Da cell 015-2434614 015-2434614
BancoPosta 800-003322 02-82443333
BancoPosta Postepay 800-003322 02-82443333
BNL BNP Paribas 800-900900 06-0060
BPER (Bibanca) 800-227788 059-2919622
Compass 800-822056 02-60843768
Credem (Carta Ego) 800-258852 0522-583583
Deutsche Bank 800-851166 0432-744109
Diners 800-393939 02-32162656
Findomestic 800-254762 055-3232242
Fineco 800-52-52-52 Da cell 02-87109001 02-28992899
Intesa San Paolo 800-303303 Da cell 02-87109001 02-87109001
MPS (carte di debito e prepagate) 800-822056 02-60843768
MPS (carte di credito) 800-992100 02-34980176
Nexi 800-151616 Dagli Stati Uniti 1-800-4736896 Da altri Paesi 02-34980020
Sella Personal Credit 800-822056 02-60843768
Ubi Banca 800-500200 030-2471209
Unicredit Banca (carta di creduto) 800-078777 045-8064686
Unicredit Banca (altre carte) 800-575757 02-33408973
We Bank 800-207167 0432-744106
Circuiti Blocco Italia Blocco estero (+39)
Bancomat 800-822056 02-60843768
Mastercard 800-870866 Numeri dedicati www.mastercard.com/it
Visa 800-819014 Elenco su www.visaitalia.com

Cosa fare quando la carta non funziona o si smagnetizza

Nel caso in cui la carta sia malfunzionante o si sia smagnetizzata, si dovrà avviare la procedura di sostituzione. Basterà recarsi presso la propria filiale con i documenti necessari per identificare il titolare della carta e il conto corrente a cui la carta era legata.

A questo punto la carta di debito smagnetizzata verrà tagliata e la banca procederà all’invio presso il domicilio di una nuova carta di credito. I tempi possono variare dai tre ai quindici giorni, nel caso non si volessero rischiare problemi durante la spedizione è preferibile il ritiro presso la filiale. La nuova carta avrà un nuovo numero e un nuovo codice rispetto  a quella smagnetizzata. Si dovrà inoltre pagare eventuali spese di spedizione, attivazione e sostituzione.