Occhio alle applicazioni che scaricate sui vostri dispositivi. Molte, infatti, tracciano il posizionamento degli utenti.

Novità 2021: arriva lo smartphone del Governo in comodato gratuito
Smartphone (Fonte foto: web)

Grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie possiamo continuamente comunicare con amici e parenti che si trovano in ogni angolo del pianeta. A partire dai social network, passando per le app di messaggistica istantanea, fino ad arrivare alle e-mail, d’altronde, abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta. Oltre ai tanti vantaggi, però, bisogna fare anche i conti con le varie insidie.

Spesso, infatti, decidiamo di scaricare alcune applicazioni sui nostri dispositivi, senza nemmeno renderci conto di quello che c’è dietro. A tal fine è bene sapere che di recente è stato scoperto che molte applicazioni tracciano la posizione degli utenti, mettendo così a rischio la privacy. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, attenti alle app: in questo modo vi spillano i soldi

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp corre ai ripari dopo le polemiche sulla privacy: le novità

Ci hanno fatto scaricare le App e ora siamo tutti tracciati: attenti alla privacy

Smartphone di Stato: ecco i requisiti per poterlo richiedere
Cellulare (Fonte foto: web)

Non c’è mai fine per i problemi legati alla privacy. Stando a quanto rivelato da ExpressVPN, infatti, sono state di recente scoperte ben 450 app presenti sui nostri store in grado di tracciare il posizionamento degli utenti. Si tratta, in pratica, di applicazioni che adoperano i sistemi di tracciabilità di X-Mode. Quest’ultimo, ricordiamo, si tratta di un broker di dati, ovvero di un’azienda che raccoglie i dati sul comportamento degli utenti per poi rivenderli ai propri clienti.

Proprio per questo motivo era già stata vietata qualche tempo fa sia Google che da Apple. Viste le recenti scoperte, però, sembra che sia ancora possibile imbattersi in delle vere e proprie app di tracciamento. A partire da alcune applicazioni di messaggistica, passando per quelle di dating, fino ad arrivare alle applicazioni di preghiera, infatti, sono davvero tanti i servizi da poter scaricare, rischiando di mettere a rischio la propria privacy. Ad allarmare ancora di più sono i dati in merito. Secondo gli esperti, infatti, sono ben 1,7 miliardi i download finora effettuati di applicazioni che utilizzano ancora i sistemi di X-Mode, proprio per questo motivo vi invitiamo a prestare sempre la massima attenzione.