Per molti, con la salita al Governo di Mario Draghi, lo spettro della patrimoniale è sempre più vicino. Ma davvero il nuovo Presidente vuole applicarla?

mario draghi governo patrimoniale

Prima di capire se con Mario Draghi ci sarà o meno l’introduzione della famigerata patrimoniale vediamo di capirare cosa è questa tassa tanto temuta.

La patrimoniale è, un’imposta che non grava sui redditi la lavoro, ma sul capitale detenuto (patrimonio) dal contribuente a titolo di beni mobili e immobili, posseduti sia in Italia sia all’estero, indipendentemente dal suo guadagno lavorativo.

L’imposta patrimoniale può essere:

  • Fissa, se viene versata indistintamente da tutti i contribuenti in importo fisso;
  • Variabile, se varia in funzione del patrimonio dei contribuenti.

L’’imposta patrimoniale può essere.

  • “Una tantum”, ossia applicata una sola volta e senza alcuna periodicità;
  • Periodica, quando viene versata con cadenza regolare, tipicamente annuale.Non c’è ancora nulla di certo ma, purtroppo, la patrimoniale sta iniziaindo ad essere sulla bocca di molti politici e il suo ingresso sembra essere sempre più vicino.

Non è detto, però, che debba colpire per forza il nostro conto corrente.

Il Governo potrebbe introdurla sotto forma di l’Ivafe, l’Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero oppure sull’Ivie, l’Imposta sul valore degli immobili situati all’estero.

LEGGI ANCHE >>> Nessuno vuole in tasca i centesimi ma valgono una fortuna: i più preziosi

LEGGI ANCHE >>> Casalinghe: quando e in che modalità possono andare in pensione

Draghi: patrimoniale si o patrimoniale no?

Mario Draghi, l’ex presidente della BCE, è l’uomo cardine di questo nuovo Governo. Nei prossimi dovrà trovare in Parlamento una maggioranza in grado di sostenere il suo Governo che avrà il compito di redigere il Recovery Plan.

Ma se da un lato di pensa alla maggioranza del Parlamento e al Recovery Plan dall’altra, molti si stanno già proiettando avanti: sarà Draghi ad introdurre la temutissima patrimoniale?

Tutto questo non si può ancora sapere, e questo dipenderà anche dalla sintesi politiche che l’ex Presidente della BCE riuscirà a trovare.

Se prendiamo come punto di partenza il background di Mario Draghi per capire se applicherà o meno la patrimoniale possiamo dire probabile un aumento del credito a famiglie e imprese per riportare il sistema Italia in linea con la media continentale.

Sulla base di questa considerazione è difficile pensare che possa trovare spazio, con Mario Draghi, la patrimoniale.