Luce, occhio alla bolletta: ecco come controllare i consumi e risparmiare

Risparmiare sulla bolletta della luce è possibile. Basta capire le varie voci contenute nel documento e il gioco è fatto.

cashback bollette
Fonte pixabay

A causa dell’emergenza coronavirus ci si ritrova a dover fare i conti con alcune restrizioni volte a contrastare la diffusione del virus. A partire dall’uso della mascherina, fino ad arrivare alla chiusura di molte attività, infatti, sono tanti gli elementi da dover prendere in considerazione. Un contesto particolarmente difficile, quello in cui ci si trova a vivere, con molte famiglie che si ritrovano a dover fare tutti i giorni i conti in tasca prima di poter acquistare qualcosa. Proprio in un momento caratterizzato dalla crisi economica, come quella al momento in atto, quindi, si pone un’attenzione sempre maggiore al mondo del risparmio.

A partire dalla spesa settimanale, fino ad arrivare ai possibili imprevisti, d’altronde, sono tanti i costi che incidono sui budget di una famiglia. Tra questi si annovera indubbiamente la bolletta della luce, che puntualmente giunge nelle nostre case, con descrizioni di costi in alcuni casi poco chiare. Ebbene, in tal senso bisogna sapere che leggendo correttamente la bolletta della luce è possibile in alcuni casi ottenere un notevole risparmio. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa bisogna controllare.

LEGGI ANCHE >>> Risparmiare il 40% sulla spesa settimanale? È possibile, ecco come

LEGGI ANCHE >>> Bolletta d’acqua troppo alta? Le regole d’oro per difendersi

Luce, occhio alla bolletta: le voci da controllare per poter risparmiare

bollette

Come già detto, controllando la bolletta della luce è possibile rinvenire ad alcune voci grazie alle quali poter risparmiare. A tal fine bisogna innanzitutto sapere che le informazioni disponibili sulla parte superiore del documento fanno riferimento ai dati della fornitura, ovvero quelli personali e i dati del contratto. Proprio in merito a quest’ultimi è importante verificare l‘importo della tariffa applicata e la potenza contrattualmente impegnata.

Un’altra voce da dover prendere assolutamente in considerazione è il POD. Quest’ultimo, infatti, è indispensabile nel caso in cui si abbia necessità di chiedere aiuto al servizio di assistenza, oppure si desideri passare ad un altro fornitore. A proposito dell’assistenza, sulla bolletta sono sempre presenti i numeri da poter contattare. Quest’ultimi, è bene sapere, non servono solamente in caso di problemi tecnici, ma è possibile chiedere anche delucidazioni in merito ad alcune voci della bolletta che possono risultare poco chiare.

Bolletta della luce: attenzione ai costi

La bolletta della luce presenta un costo totale, frutto della somma di tante piccoli voci. Proprio il sapere cosa sono, può aiutarci a risparmiare. Ne è un chiaro esempio la spesa per la materia energia che può risultare diversa tra i vari fornitori. Stesso discorso vale per il costo per il trasporto dell’energia elettrica e la gestione del contatore.

Non si può invece far nulla, ovviamente, su imposte e Iva che sono obbligatorie, in quanto previste dallo Stato. Una volta visto quali sono le varie voci di una bolletta, quindi, è facile intuire che poter risparmiare è sufficiente confrontare tali elementi con le proposte degli altri fornitori e optare per la soluzione più adatta alle proprie esigenze.