Conto corrente cointestato: come si fa la detrazione se il coniuge è incapiente?

La Legge di Bilancio ha introdotto il Superbonus 110%. Ecco cosa succede, con la detrazione, quando si ha un conto corrente cointestato e il coniuge è incapiente.

conto corrente cointestato detrazione
adobe

L’ Agenzia delle Entrate definisce il Superbonus 110% come un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Gli interventi che permettono l’accesso alla detrazione al 110%, sono differenziati in tre categorie:

a) isolamento termico, cd. cappotto termico;

b) sostituzione di impianti per la climatizzazione invernale;

c) interventi che permettono la riduzione del rischio chimico.

Se si riealizza uno di questi interventi cd. “primari” si possono realizzare e, di conseguenza beneficiare del Superbonus al 110%, degli interventi chiamati “trainati” o secondari.

La normativa prevede che è possibile avvalersi della detrazione se il pagamento delle spese detraibile è effettuato tramite bonifico bancario.

Nel caso in cui ci siano più soggetti che hanno diritto alla detrazione, il beneficio spetta anche a colui che non risulta intestatario del bonifico in base alla misura in cui ha sostenuto le spese. Anche se il conto corrente è cointestato.

LEGGI ANCHE >>> Quanto guadagna Papa Francesco: la cifra lascia a bocca aperta

LEGGI ANCHE >>> Crisi Covid, fallimenti imprese in aumento: scenario da incubo

Conto corrente cointestato: chi scarica la detrazione

Per poter dividere la detrazione tra i coniugi, è necessario che i documenti di spesa siano integrati con i nominativi dei soggetti che effettuano la stessa che da diritto alla detrazione fiscale, indicando, inoltre, la percentuale spettante.

Per legge solo chi sostiene materialmente ed effetivamente la spesa può detrarla.

Ne consegue, pertanto, che a prescindere dal conto corrente cointestato, se il documento che attesta la spesa, fattura o ricevuta, indica che la moglie ha sostenuto la spesa al 100%, anche se il pagamento è effettuato sul conto corrente cointestato, sarà la moglie a poter detrarre dalla dichiarazione dei redditi la spesa sostenuta.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base