Pensione anticipata, non è un’utopia: ma solo con questi requisiti

Chi non vorrebbe poter usufruire di una pensione anticipata? E pensare che non è una cosa impossibile, ma con quali requisiti potremmo?

Pensioni anticipate (Fonte foto: web)

Tante cose cambiano ogni anno per fisco e pensioni, argomento spesso toccato anche sul nostro portale perché, come logico che sia, di grande interesse. In Italia poi, le cose cambiano spesso, ma per il peggio.

Tra le età sempre più tardive per poterne usufruire, ai diversi “tagli” che purtroppo abbiamo visto effettuare negli anni, davvero la pensione sembra sempre più una chimera per tanti. Ma secondo alcuni requisiti, possiamo usufruire della pensione anticipata. Ecco come.

Leggi anche>>> Libretto Famiglia INPS: cos’è, come si usa e a chi spetta?

Leggi anche>>> INPS: pensione di invalidità a chi ha una di queste malattie cardiache

Requisiti o altre misure per una pensione anticipata

La pensione anticipata permetterebbe, come dice lo stesso “nome”, consente di prendere la corsia di uscita per la pensione ben prima, anticipando i 67 anni di età. Bisogna, è logico, disporre di determinati requisiti contributivi, nel dettaglio i contribuenti/lavoratori che si possano dire iscritti all’Inps, con almeno 42 anni e 10 mesi di contribuzione, per gli uomini ed invece con 41 anni e 10 mesi di contribuzione per le donne potranno disporne.

Questo però, se il contribuente ha iniziato a versare prima del 31 dicembre 1995. Per lui verrà preso in considerazione una quota retributiva ed una contributiva, ma i requisiti sono i medesimi. Lo stesso vale per chi ha iniziato a versare i contributi dal 1° gennaio 1996, trovandosi quindi nella fascia del tutto contributiva: essi, avranno diritto al pensionamento anticipato all’età di 64 anni e con almeno 20 anni di contribuzione.

Per la sezione “altre misure”, c’è l’Opzione Donna, da poco prorogata. Anche questa, permette ad alcune tipologie di di lavoratrici di accedere alla pensione anticipata, proprio come l’altra misura che però, non verrà prorogata: Quota 100. Questa invece, come ben sapremo, consente l’uscita anticipata dal mondo del lavoro per tutti coloro che vantano almeno 38 anni di contributi ed un’età anagrafica minima di 62 anni .