Truffe online: attenzione a questo messaggio, non è la vostra banca…

Molti hacker effettuano truffe online sfruttando i nomi di alcune grandi banche italiane. Ecco come attuano il tentativo di phishing e cosa bisogna fare per evitare di abboccare

Unicredit
Fonte web

Le truffe online non spariscono mai. In alcuni periodi vanno in stand-by per poi tornare a fare capolino quando meno ce lo aspettiamo. Il sistema è sempre il medesimo, ovvero quello del phishing tramite una presunta email della propria banca.

Ogni minimo dettaglio è stato ponderato per bene. Vengono inviati dei messaggi che di primo impatto sembrano piuttosto veritieri, anche per via dell’utilizzo dei nomi dei principali istituti di credito del Bel Paese come ad esempio Unicredit, Intesa Sanpaolo e BNL. 

Naturalmente le banche in questione sono totalmente estranee ai fatti, ma la riproduzione sembra talmente fedele che in molti poi cadono nella trappola. I più attenti però rileggendo bene il testo riescono a captare l’inganno e ad evitare il peggio. 

LEGGI ANCHE >>> Truffe online e via sms: le regole d’oro per difendersi

LEGGI ANCHE >>> Le truffe online ai tempi del covid: dall’app di incontri alle richieste di denaro

Truffe online: come agiscono i malviventi

Nello specifico si riceve una email in cui si viene invitati allo sblocco del proprio account tramite un link presente all’interno del messaggio. Ed è proprio questo il passaggio chiave. Mai e poi mai bisogna cliccare sul collegamento ipertestuale, perché altrimenti si rischia di svelare al truffatore i propri dati sensibili con i quali può sottrarci il denaro guadagnato e risparmiato con tanti sacrifici.

Laddove malauguratamente si schiacci il pulsante sul link si viene reindirizzato sulla pagina (ovviamente fake) della propria banca. Anche se di impatto sembra uguale, di fatto non lo è. Una volta inserite le proprie credenziali il gioco è fatto e l’hacker avrà tutte le informazioni necessarie per poter attuare il suo piano truffaldino.

Si può però smascherare il tentativo di raggiro tenendo presente che la banca raramente (quasi mai) invia delle email in cui chiede di inserire i propri dati. Ad ogni modo una telefonata alla propria filiale non guasta mai, così si fuga ogni dubbio.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base