Allarme Inps: 16 miliardi di buco, a rischio gli assegni pensionistici

L’Inps avrebbe un vuoto di ben 16 miliardi di euro, cosa vuol dire? Che c’è anche l’ipotesi che a rischio ci siano i nostri assegni

Inps malattie tiroide
Inps (Fonte Facebook – Blogo)

Settimana movimentata per i vertici Inps, istituto già protagonista di uno strano caso: gli immobili venduti a metà prezzo. Ma ora c’è in atto un vero e proprio allarme, lanciato da Guglielmo Loy, ex segretario confederale della Uil e attuale presidente del Civ della stessa Inps.

Secondo Loy infatti: “c’è un buco di quasi 16 miliardi nel bilancio Inps”. Il dirigente, intervistato per la Repubblica, ha parlato di un disavanzo di 20 miliardi, calcolando che su questi: “ben 15,7 sono un buco creato dalla Cig Covid, una misura straordinaria introdotta dal governo quando ha chiuso il Paese. E che però è stata anticipata da Inps attingendo ai suoi fondi”.

Questa è una notizia che riguarda noi tutti però, molto da vicino, ecco perché: “Se non viene ripianato, quando si tornerà all’ordinario l’Inps rischia di non avere le risorse, che ricordo sono frutto di contributi di imprese e lavoratori, per erogare le prestazioni. O doverle ridurre”.

Leggi anche>>> Pensione, lavoro e contribuzione: in quali casi i conti non tornano

Leggi anche>>> Occhio alle scadenze: se manca questo documento salta la pensione

In che modo le pensioni possono essere toccate dai miliardi che mancano all’Inps

Ma ancor più preoccupante è la seconda considerazione che ha fatto l’ex sindacalista, Loy. Ad essere in pericolo, sono le pensioni. Ci sarebbe: “un’ipotesi estrema non certo peregrina”, – Spiega proprio Loy – “se l’anticipazione di Inps sulla Cig Covid è strutturale allora si trasforma in credito dello Stato”.

Ed è da qui, che è nata la richiesta a Pasquale Tridico, ovvero il presidente dell’Inps: “Chiediamo che questo buco venga sanato per non minare la sostenibilità del bilancio dell’Istituto. Tra l’altro il rosso da 20 miliardi che indichiamo nel documento si basa sulle ottimistiche stime della Nadef per il Pil 2021. Corretto dal punto di vista contabile, ma non rassicurante”.

In caso contrario, viene tirato in ballo il legislatore, per la conclusione della lettera: “È lui che dovrebbe intervenire prima di mettere a rischio la sostenibilità e dunque le prestazioni di Inps”.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base