Home Fisco e tasse Siamo salvi per un po’: sì alla proroga sulle notifiche di avvisi...
Agenzia delle Entrate estratto di ruolo

Siamo salvi per un po’: sì alla proroga sulle notifiche di avvisi di accertamento

Il Governo, a causa della crisi economica, ha introdotto con Decreto n. 3/2021, una serie di misure in materia di avviso accertamento e riscossione tributaria. Di cosa si tratta.

Agenzia delle Entrate cartelle avvisi di accertamento

ll decreto Rilancio ha previsto il rinvio al 2021 della notifica degli atti con scadenza del termine dall’8 marzo al 31 dicembre 2020. Questa proroga riguarda gli atti impositivi, quali avvisi di accertamento, avvisi di rettifica, atti di irrogazione sanzioni.

Questi atti verranno notificati nel periodo compreso tra il primo febbraio 2021 e il 31 gennaio 2022. Il decreto specifica  che è consentito procedere all’invio, alla notifica e alla messa a disposizione degli atti, comunicazioni e inviti nei “casi di indifferibilità e urgenza”.

La proroga riguarda anche gli atti, le comunicazioni e gli inviti come quelli di accertamento delle tasse automobilistiche o per l’addizionale erariale della tassa automobilistica. Questi potranno essere notificati, inviati o messi a disposizione nel periodo dal primo febbraio 2021 al 31 gennaio 2022.

I termini di decadenza per la notificazione delle cartelle di pagamento, previsti dall’articolo 25, comma 1, lettere a) e b), del DPR n. 602/1973, sono prorogati di tredici mesi relativamente a quanto indicato nei punti a), b) e c) dello stesso comma.

Infine, non sono dovuti gli interessi per ritardato pagamento e ritardata iscrizione a ruolo, per gli atti di accertamento, inviti, atti e comunicazioni, notificati entro il 31 gennaio 2022.

LEGGI ANCHE >>> Bonus per figli studenti: i requisiti necessari per ottenere 2000 euro dall’Inps

LEGGI ANCHE >>> Mutui e prestiti, congelare la rata è possibile: ecco come

Avviso di accertamento:

E’ prevista, per gli gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi, effettuati dall’agente della riscossione, la loro sospensionetra la data di entrata in vigore del decreto e il 31 gennaio 2021.

Il decreto precisa che sono validi tutti gli atti, i provvedimenti e gli adempimenti effettuati dall’agente della riscossione, tra il primo gennaio 2021 e il 15 gennaio 2021.