Avete ricevuto una cartella di pagamento e vi siete accorti che manca la firma? Vediamo assieme cosa c’è da sapere in questi casi.

cartella esattoriale nulla
Fonte Pixabay

In un momento storico particolarmente difficile come quello attuale, riuscire a pagare tutte le spese può risultare in alcuni casi particolarmente difficile. A causa delle varie restrizioni volte a contrastare la diffusione del Covid, infatti, molti settori lavorativi si sono visti costretti a chiudere o comunque sospendere la propria attività.

Proprio in questo contesto il possibile arrivo delle cartelle di pagamento finisce per spaventare molto famiglie che temono di non riuscire ad assolvere ai propri impegni. A proposito di cartelle di pagamento, inoltre, vi è una questione che spesso finisce per attirare l’attenzione, ovvero la mancata presenza della firma. In particolare ci si chiede se in questo caso la notifica sia o meno legittima. Ebbene, a fornire una spiegazione in merito ci ha pensato una recente ordinanza della Cassazione civile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere.

LEGGI ANCHE >>> Busta verde in arrivo per multe e tasse non pagate: come fare il ricorso

LEGGI ANCHE >>> Affitto, brutte notizie per gli inquilini morosi: cosa può fare il proprietario

Cartella di pagamento, occhio alla firma: deve essere sempre pagata?

Ristori 5: rottamazione delle cartelle esattoriali fino al 2019
Cartelle esattoriali (Fonte foto: web)

In caso di mancata firma alla cartella di pagamento, quest’ultima è legittima? Una domanda che si pongono in molti e a cui ha fornito recentemente una risposta la Cassazione civile attraverso l’Ordinanza n. 28272 dell’11 dicembre 2020. A tal proposito, infatti, è stato sottolineato che la sottoscrizione non è necessaria, quindi la cartella di pagamento risulta valida anche se non firmata.

Questo a patto che non sia messa in dubbio l’Autorità che emana l’atto. La cartella di pagamento per la riscossione degli importi a ruolo, d’altronde, deve essere predisposta secondo particolari moduli. È sempre obbligatorio, invece, l’intestazione e la causale con apposito codice.

Diverso il discorso per quanto riguarda l’avviso dell’Agenzia delle Entrate per accertamento sulle imposte sui redditi. In questo caso, infatti, si necessita di firma. Questo vuol dire che se sull’avviso di pagamento dell’Agenzia delle Entrate non è apposta la firma del funzionario, l’avviso è da considerarsi nullo e per questo non deve essere pagato.