E’ successo a Sciacca, in Sicilia. Un bancomat è andato in tilt, erogando somme elevatissime. Un pensionato le restituisce: “In fila c’era solo chi aveva preso di meno”.

Bancomat
Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Si erano presentati per prelevare soldi a uno sportello delle Poste Italiane alcuni clienti di Sciacca, in Sicilia, senza immaginare di stare per assistere a una vera e propria pioggia di soldi. Lo sportello automatico della contrada Perriera, infatti, è letteralmente impazzito davanti agli occhi dei clienti, che hanno ricevuto dalla bocchetta molti più soldi di quelli selezionati per il prelievo. Si tratterebbe di almeno 12 persone, che hanno portato a casa una somma complessiva pari a qualche migliaio di euro.

Solo una di queste, tuttavia, ha rispettato le indicazioni del direttore dell’Ufficio postale, che ha invitato i correntisti a restituire le somme non dovute. Si tratta di un pensionato, che si è presentato agli sportelli per ridepositare la differenza sputata fuori dal bancomat vittima di un guasto tecnico.

LEGGI ANCHE >>> Commissioni sui prelievi in contanti: quanto ci costeranno

LEGGI ANCHE >>> Mutui e prestiti, congelare la rata è possibile: ecco come

Il bancomat impazzito “regala” soldi: alcuni prendono troppo ma altri se li vedono togliere

A raccontare la vicenda è il Giornale di Sicilia, che cita lo stesso pensionato che ha restituito il denaro non selezionato al momento del prelievo. L’uomo (tornato a casa con 900 euro in mano) ha raccontato di non aver fatto caso, lì per lì, che il bancomat avesse erogato di più rispetto a quanto richiesto, ma di essersene accorto solo una volta arrivato in macchina. L’ufficio era però già chiuso e ha rimandato la restituzione alla mattina successiva. E, arrivato agli sportelli, una nuova sorpresa.

Mi sono presentato alle 9 all’ufficio postale e ho visto che c’erano alcuni in attesa perché avevano ritirato meno di quanto avevano richiesto. Ero l’unico in quei momenti a dovere restituire una somma consistente”. Al quotidiano siciliano, l’uomo ha inoltre raccontato che, viste le molte scadenze, quei soldi gli avrebbero fatto comodo. Tuttavia, appena possibile, si è recato all’ufficio e chiuso la questione senza pensarci due volte. E, visto quanto accaduto ad altri correntisti come lui, vittime del problema opposto, il gesto assume valore doppio.