Si sono verificati diversi furti di dati attraverso gli Exchange, i Coinbase, nell’ultimo periodo, conosciuto come attacco SIM port

Criptovalute Coinbase: attenti, potrebbero rubare i vostri dati
Criptovalute (Fonte foto: web)

Molto in voga, tra i furti su criptovalute, quelli chiamati Coinbase. Il problema è che comprando valute del genere su Exchange, si mettono in gioco dei dati sensibili, motivo per il quale non bisogna mettere in secondo piano la sicurezza.

Nel corso degli anni infatti, si sono verificati diverse volte, i furti sia di dati che di soldi, ai danni del compratore. Proviamo a capire in che modo investire in criptovalute senza mettere in secondo piano la sicurezza.

Leggi anche>>> Eco, la nuova criptovaluta fondata da Garret Camp di Uber

Leggi anche>>> TRON, la criptovaluta che guarda all’intrattenimento

Come gli Exchange ci rubano i dati e come coprirci

Sono molto frequenti i furti di dati, per acquisti dagli Exchange, comunemente noti anche come Coinbase. Questo tipo di furto, viene attuato attraverso quello che in gergo tecnico viene detto attacco SIM port. Noti anche con i nomi: swim swap e sim slipping, parliamo di un tipo di attacco che vede un soggetto non autorizzato, effettuare il porting di una scheda SIM su un dispositivo differente.

Gli operatori telefonici, di legge, dovrebbero verificare l’identità del soggetto che sta richiedendo la portabilità. Non sempre però i nostri operatori sono così solerti e lì avviene il furto di dati e talvolta, di credito. Pensare che possono esser portate via anche quote altissime: è successo nel 2019 a Sean Coonce, uno dei manager di BitGo. Due anni fa infatti, il protagonista della vicenda perse l’equivalente di circa 100mila euro in criptovalute.

Il consiglio, è di stendere un profilo di rischio, e quando possibile creare una mail privata soltanto per gli asset collegati a dati sensibili o a particolari investimenti di denaro, come appunto i profili degli Exchange utilizzati per acquistare criptovalute. Questo perché quando il soggetto terzo entra in possesso del nostro numero di cellulare, può accedere agli Sms ed attraverso due diversi fattori, può risalire ai nostri dati sensibili.