L’Unione Nazionale Consumatori è stata di recente coinvolta, a sua insaputa, in una delle truffe del call center. Vediamo di che si tratta.

truffa del call center
Fonte pixabay

L’ Unione Nazionale Consumatori, chiamata UNC, è stata vittima, a sua insaputa di un gruppo di truffatori ha cominciato a fare una serie di telefonate a utenti di varie compagnie telefoniche spacciandosi per deiconsulenti dell’Unione Nazionale Consumatori.

Questa truffa avviene attraverso due telefonate distinte che vi andiamo si seguito a spiegare.

Un operatore che si spaccerà per dipendente della vostra compagnia vi parlerà di un improvviso aumento del vostro canone, avvisandovi di una seconda telefonata che arriverà da parte di un suo collega.

Arriverà una seconda telefonata con un falso consulente dell’UNC che vi illustrerà diversi piani tariffari di altre compagnie telefoniche a cui vi inviterà a passare.

LEGGI ANCHE >>> Il contributo a fondo perduto per gli affitti può essere richiesto da tutti i locatori

LEGGI ANCHE >>> Titì, fotomodella per necessità: “Mi spoglio per salvare il nostro ristorante”

Una delle vittime della truffa del call center è stato Massimiliano Dona, presidente dell’Associazione UNC.

Il presidente, che avendo ricevuto per puro caso una di queste telefonate, ha avviato immediantamente le indagini in merito.

Ad oggi, non si è ancora individuato l’eventuale colpevole di questa truffa. È improbabile che questa iniziativa parta direttamente dalle compagnie telefoniche.

Non si sa bene con chi si ha a che fare, esistono varie ipotesi ma no è ancora chiaro con chi si ragiona. Se un’azienda intenta a chiudere quanti più contratti possibili o se altro tipo di impresa con tutt’altri fini.