Lo sconquasso al governo arriva nel momento peggiore ma i bond italiani (Btp) non ne avrebbero risentito. Merito dei tassi.

Btp
Image by Csaba Nagy from Pixabay

“La crisi più irresponsabile nel momento peggiore, provocata dal partito più piccolo, che ha il 2,5% nei sondaggi: un record, anche per l’Italia”. La lettura lapidaria della crisi che sconquassato il governo nella giornata di ieri arriva da qualcuno che a Palazzo Chigi ci è passato, come Enrico Letta. Il partito più piccolo, sì, ma con un leader che ha guidato l’esecutivo in passato e che ha avuto voce in capitolo quel tanto che bastava per provocare lo scossone, sfilando due ministri e un sottosegretario dal team di Conte.

Non c’è dubbio che la crisi arrivata nel momento in cui l’Italia ha avviato la propria campagna vaccinale e il governo è in fase di discussione sui provvedimenti a sostegno degli italiani (Ristori quinquies in primis), corrisponda a un periodo di ulteriore incertezza. C’è da chiedersi però in quale misura la disgregazione di parte della squadra di Conte possa incidere sui Btp, nonostante gli acquisti della Bce.

LEGGI ANCHE >>> Btp, partenza col botto: le richieste schizzano a quota 95 miliardi

LEGGI ANCHE >>> Btp Futura, al via dal 9 novembre le sottoscrizioni della seconda emissione

I Btp resistono alla crisi di governo: il quadro degli analisti

Gli analisti, dopo la conferenza di Renzi (ma anche prima, visti i sentori), hanno fiondato la loro attenzione proprio sui bond italiani. I quali, a quanto sembra, hanno assorbito piuttosto bene l’onda d’urto della crisi. Anzi, secondo Reuters la situazione resta sostanzialmente positiva anche nel quadro generale. I tassi sui Btp decennali, infatti, sono scesi di 8 punto, toccando lo 0,55%. E ieri, giorno del patatrac, i tassi dei Btp a cineuq anni sono tornati in zona negativa.

Chi fa l’indagine, si è spiegato la resistenza attraverso la stabilizzazione dei tassi sui Treasuries Usa. Secondo Ing, anche in caso di elezioni anticipate i mercati non dovrebbero risentirne più di tanto. “Al limite, il periodo compreso tra adesso e la formazione di un nuovo governo potrebbe fermare per un po’ eventuali nuovi acquirenti (della carta italiana). Tuttavia, l’Italia non ha bisogno di nuovi acquirenti per i suoi bond: gli acquisti da parte della Bce dovrebbero infatti eccedere di molto l’offerta netta di quest’anno. Di conseguenza, la quantità di bond disponibile per gli investitori privati diminuirà”.