Stop al fumo all’aperto a Milano. Il divieto scatterà dal 19 gennaio e sarà vigente nei parchi e alle fermate dei mezzi pubblici

Pixabay

Dal 19 di questo mese, a Milano sarà vietato fumare nei parchi e alle fermate di bus e metro con un limite di distanza di 10 metri da altre persone.

Si chiama il Regolamento Aria e al suo interno è stato inserito questo nuovo divieto che proibisce di fumare in alcuni luoghi per rendere l’aria più pulita.

Il divieto sarà valido anche nelle zone per cani, cimiteri, strutture sportive e stadi.

Ma potrebbe non terminare qui, infatti dal 2025 la stretta potrebbe riguardare tutte le zone aperte della città.

LEGGI ANCHE >>> Spostamenti tra Regioni, oggi scatta il divieto: cosa c’è da aspettarsi

LEGGI ANCHE >>> Stipendio in contanti: da luglio scatta il divieto

Dal 19 gennaio sarà vietato fumare all’aperto a Milano, nei parchi e alle fermate degli autobus

Si tratta di provvedimenti che hanno un duplice obiettivo: aiutano a ridurre il PM10, ossia le particelle inquinanti nocive per i polmoni e tutelano la salute dei cittadini dal fumo attivo e passivo nei luoghi pubblici e frequentati anche dai minori” dice il decreto.

L’obbiettivo di Milano è quello di rendere la città una zona libera dal fumo entro il 2025. In particolare, sarà vietato fumare all’aria aperta nel caso in cui ci siano persone ad una distanza minore di 10 metri. Le regole valgono anche negli stadi, aree per cani, parchi e aree gioco per bambini.

La sanzione che si rischia può arrivare sino a 250 euro.

Ma non solo la sigaretta sarà vietata. Tra il 1 ottobre e il 31 marzo dovrebbe partire l’ordinanza che vieterà i fuochi d’artificio e barbecue mentre dal 1 gennaio 2022 i negozi dovranno tenere le porte chiuse per evitare la dispersione di aria.