Chi è il più ricco del governo? Ecco il podio ma Conte è secondo

In cima alla classifica c’è il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, con 229.160 euro dichiarati. Terzo il titolare della Difesa Guerini.

Governo
Foto: Web

Dopo aver appurato quanto incassato nell’anno appena trascorso dal premier Giuseppe Conte, viene da chiedersi se il presidente del Consiglio sia il membro della squadra di governo ad aver guadagnato di più. Ebbene, coi suoi 158.474 euro dichiarati, il politico simbolo di questa pandemia non risulta tuttavia essere il più “ricco”. Anzi, visto il suo approdo a Palazzo Chigi e la conseguente cessazione delle sue precedenti attività, Conte aveva dichiarato molto di più lo scorso anno, scendendo nella dichiarazione di quasi un milione di euro.

Ma se non il premier allora chi? Per ricercare il politico che ha fatto registrare il più alto quantitativo di reddito bisogna spostarsi di pochi chilometri. Da Palazzo Chigi al Viminale, dove ha sede l’ufficio del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

LEGGI ANCHE >>> Politici e reddito, la crisi si fa sentire: ecco quanto ha guadagnato Conte

LEGGI ANCHE >>> Rimpasto nella Regione Lombardia: Letizia Moratti è il nuovo assessore al Welfare

Chi è il più ricco del governo? La risposta non è a Palazzo Chigi

Con 229.160 euro dichiarati, il successore di Salvini al Ministero dell’Interno risulta il più ricco fra i membri del governo. Lamorgese ha liquidato tutte le azioni e i derivati tra aprile e maggio 2020. Resta sostanziale la distanza fra lei e il premier Conte che, come detto, ha visto rivisto al ribasso il suo reddito complessivo. Il presidente del Consiglio occupa comunque la seconda posizione del podio, un passo avanti a Lorenzo Guerini. Il ministro della Difesa, infatti, ha dichiarato 128.687 euro.

Ai piedi del podio si attesta il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, con 99.703 euro. A seguire, il titolare degli Affari regionali, Francesco Boccia, con 98.471 euro. La stessa cifra dichiarata dal il ministro della Pubblica amministrazione, Fabiana Dadone, e dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. Sopra i 90 mila euro anche il ministro dello Sport Spadafora (97.223 euro), quello dell’Istruzione, Lucia Azzolina, con 96.275 euro, dei Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà (95.815), il guardasigilli Alfonso Bonafede (93.436 euro) e il ministro del Sud, Giuseppe Provenzano, con 90.474 euro. Più indietro il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha dichiarato 80.542 euro.