La dea della fortuna sembra troppo bendata, un giocatore 50enne si arrabbia e aggredisce il cliente del bar.

Fonte foto web

Era talmente tanto il nervosismo per non aver vinto nulla al Gratta e Vinci che un 50enne di Senigallia (in provincia di Ancona) ha sfogato la sua rabbia su un altro avventore del bar.

L’uomo arrabbiato perché la dea bendata gli aveva voltato le spalle ha stracciato il Gratta e Vinci e ha gettato per terra i biglietti. A quel punto un altro cliente del bar è intervenuto richiamandolo all’educazione e alla civiltà e chiedendogli di raccogliere ciò che aveva gettato in terra.

E’ stato a quel punto il 50enne di Senigallia si è arrabbiato ancora di più e ha aggredito l’altro avventore del bar della cittadina costiera marchiagiana. La vittima, molto impaurita è uscito dal bar e ha chiesto aiuto ad alcuni passanti per hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine.

Arrivati sul posto gli agenti della polizia sono stati anch’essi aggrediti dal 50enne che ha anche lanciato contro i poliziotti un posacenere. L’uomo era già conosciuto dalle forze dell’ordine per alcuni precedenti commessi in passato.

 

LEGGI ANCHE >>> Ecco chi è la modella più pagata del Regno Unito

LEGGI ANCHE >>> Amadeus e il suo super cachet per il Festival di Sanremo

Mancata vittoria al Gratta e Vinci manda su di giri l’avventore di un bar

Data la situazione difficile, in aiuto degli agenti di polizia sono arrivati anche i carabinieri che, con l’aiuto del personale sanitario del 118, sono riusciti a bloccare l’aggressore. Alla fine il 50enne è stato portato al pronto soccorso per essere riportato alla calma, ma pare che si sia allontanato senza attendere le cure.

Alla fine l’uomo è stato denunciato con le accuse di violenza, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale, grazie anche alle testimonianze raccolte dai passanti.

Il gioco può nuocere gravemente alla salute, recitano gli avvisi riportati sui biglietti dei Gratta e Vinci. Ma questa volta la salute colpita era quella del povero malcapitato concittadino, non quella del nervoso giocatore.