Home Attualità Whatsapp: ecco la verità su cosa cambierà dall’8 febbraio
whatsapp aggiornamento privacy
Fonte pixabay

Whatsapp: ecco la verità su cosa cambierà dall’8 febbraio

Dall’8 febbraio gli utenti di WhatsApp, per poter continuare ad usare la app, dovranno accettare gli aggiornamenti relativi alla privacy. Ecco cosa cambia.

whatsapp aggiornamento privacy
Fonte pixabay
Tutti gli utenti di Whatapp hanno ricevuto l’avviso relativo all’ aggiornamento dei termini di servizio e dell’informativa sulla privacy che entrerà in vigore dall’8 febbraio.La nota è perentoria: “Dopo tale data dovrai accettare i termini per continuare a usare WhatsApp“, pena l’impossibilità di continuare a usare la app.Le modifiche contrattuali unilaterali dei termini e delle condizioni di servizio delle piattaforme online non sono una novità, quello che ha scatenato il panico è stato il fatto che essendo che questa app collabora con facebook, moltissimi utenti hanno pensato che WhatsApp iniziasse a condividere i dati degli utenti con Facebook al fine, per esempio, di personalizzare la pubblicità.

Un portavoce del blog della App in questione ha riferito che: “Non ci sono modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp nella regione europea (incluso il Regno Unito) derivanti dall’aggiornamento dei termini di servizio e dall’informativa sulla privacy” . Lo stesso ha aggiunto che:  “WhatsApp non condivide i dati degli utenti WhatsApp dell’area europea con Facebook allo scopo di consentire a Facebook di utilizzare tali dati per migliorare i propri prodotti o le proprie pubblicità“.

LEGGI ANCHE >>> Mangiare alla guida è vietato? Come trovare risposta nel codice della strada

LEGGI ANCHE >>> Disconoscimento paternità: di cosa si tratta e quando può si può far valere

Cosa cambia per WhatsApp Business

Per gli utenti di Whatsapp Business, il discorso è cambia. Infatti, come preannunciato ad ottobre, le aziende potranno ora archiviare le conversazioni che hanno avuto con gli utenti.

Nate Cardozo, Privacy Policy Manager di Facebook, sul tema, ha dichiarato: “le imprese potranno usare le chat che ricevono per i loro scopi commerciali, che possono includere la pubblicità su Facebook“.