Si tratta di una delle truffe più in auge su Whatsapp. Vediamo di cosa si tratta e quali precauzioni prendere per evitare di essere raggirati 

Whatsapp

L’arrivo del 2021 non ha fermato le truffe su Whatsapp. Anzi, negli primissimi giorni del nuovo anno sono state molteplici le segnalazioni del ritorno in auge di uno dei tentativi di inganno più celebri riguardanti la piattaforma di messaggistica istantanea.

Per chi non lo conoscesse si tratta della famosa truffa del codice a 6 cifre attraverso cui l’hacker in questione può sottrarre l’account al povero malcapitato. Il suddetto codice è quello utile per l’autentificazione a due fattori, che è bene ribadirlo, non va girato a terzi per nessuno motivo.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp: torna la truffa dei coupon, attenzione ai vostri dati

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp: come trasferire chat e media quando acquisti uno smartphone nuovo

Whatsapp, la truffa del codice a 6 cifre

Nella fattispecie il meccanismo sfrutta “Cambia numero”, che consente di associare l’utenza ad un nuovo numero di telefono senza perdere i contenuti relativi alle proprie conversazioni precedenti.

Il messaggio che deve tenere alta la guardia è il seguente: “Ciao, ti ho inviato un codice per sbaglio, me lo rimandi?”. Naturalmente potrebbe esserci qualche leggera variazione testuale, ma la sostanza non cambia. Si tratta di un losco tentativo di furto dell’identità.

A rendere la messinscena più credibile è che il messaggio arriva spesso da un numero presente nella propria rubrica (che probabilmente è già caduto nella trappola). In questo modo l’utente che non conosce bene questa dinamica tende a fidarsi concedendo il codice. 

Purtroppo però quest’azione “sconsiderata” può avere degli effetti deleteri e prima di tutto ci priva del controllo del nostro profilo. Successivamente potrebbero capitare cose ancor più spiacevoli come magari azioni compiute a nostro nome ma di cui in realtà non sappiamo praticamente nulla. Dunque, è sempre bene diffidare da messaggi controversi che ci arrivano su Whatsapp. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di una truffa.