Duecentomila euro di refurtiva ma, oltre ai beni, sono stati violati anche i ricordi di una vita. Lo rivela la figlia di Valeria Fabrizi e di Tata Giacobetti.

Valeria Fabrizi

Il Natale è stato duro per tutti vista la situazione. Ma per qualcuno, assieme alle restrizioni, ci si è messa anche la sfortuna di finire nel mirino di qualcuno che i “regali” li fa in antitesi alla tradizione. E’ il caso di Valeria Fabrizi, storica attrice italiana e fra le interpreti di maggior successo dell’industria cinematografica italiana. A tutti nota, in tempi recenti, per il ruolo di suor Costanza nella fortunata fiction “Che Dio ci aiuti”, l’attrice ha subito un grave furto in casa lo scorso 16 dicembre. La città è Roma, la zona la Balduina.

Il bottino è stato sostanziale. I ladri sono penetrati quando nell’appartamento non c’era nessuno, portandosi via refurtiva varia stimata in un valore monstre di 200 mila euro. Un bottino notevole, anche considerando il periodo difficile.

LEGGI ANCHE >>> Tiffany: vendite da record a Natale, nonostante il Covid

LEGGI ANCHE >>> Sapete quanto percepisce Al Bano Carrisi di pensione? La cifra vi sorprenderà

Valeria Fabrizi, Natale amaro: svaligiata la casa a Roma, violati anche i ricordi

Veronese di nascita, amica di infanzia di Walter Chiari, Valeria Fabrizi è stata sposata per oltre vent’anni con Tata Giacobetti, storico membro del Quartetto Cetra. Da quel matrimonio, è nata la figlia Giorgia. Ed è stata proprio lei a rivelare l’accaduto, con un post su Facebook nel quale manifestava tutta la sua amarezza. “Casa di mia madre svaligiata. Tutto sottosopra … mobili rotti cose ovunque. Completamente inagibile”.

La figlia di Valeria Fabrizi ha paragonato quanto accaduto a un terremoto. Ma, “oltre al grande danno materiale, un attacco al cuore e agli affetti e ai ricordi di una vita. Polizia e intervento della scientifica impeccabile. Cosa poter augurare a chi ha fatto tutto ciò ……?”. Decisamente un brutto regalo di Natale per l’attrice, fra le più amate nel nostro Paese, che sarà ospite questa sera a I Soliti ignoti e, presto, di nuovo sul piccolo schermo con la sesta stagione di “Che Dio ci aiuti”.

Un’amarezza, quella per il furto subito e per i ricordi violati, che potrà essere lenita dall’amore del suo pubblico. Che, come sempre, attende con trepidazione le nuove avventure delle simpatiche suore del Convento degli Angeli.