Cinque soluzioni per arrivare primi suo 100 mila. Ovvero quelli che avranno diritto al maxi rimborso cashback di 1.500 euro a semestre.

Cashback rimborso
(Fonte foto: web)

Ancora cashback, sempre cahsback. Una misura che continua a far discutere più per la sua forma che per la sua sostanza, come se il discorso fosse più come accedere che l’importo da ottenere. Al momento, sono 5,7 milioni gli italiani che hanno attivato la procedura sull’App IO per accedere alla misura del rimborso del 10%. Di rimando, gli strumenti utili all’attivazione sono anch’essi lievitati, permettendo a numerosi utenti di accedere anche senza Spid. E i pagamenti attivati sono stati oltre 9,6 milioni.

Ora, col cashback extra ormai alle spalle e con la misura standard iniziata ormai da qualche giorno, resta da capire non tanto come andare a prendersi il rimborso, visto che cambia praticamente nulla rispetto a dicembre, quanto piuttosto a chi spetterà l’alternativa del Super cashback. Ossia, il maxi rimborso da 1.500 a semestre.

LEGGI ANCHE >>> Cashback: scopri quanti soldi ti spettano usando l’App IO

LEGGI ANCHE >>> Cashback con Google Pay, più di un’idea: cosa succede nel 2021

Cashback da 1.500 euro: cinque soluzioni per arrivare primi

Del resto era stata questa la principale novità. E riguarderà, nello specifico, i primi 100 mila cittadini che effettueranno il maggior numero di operazioni di acquisto. Va ricordato che il tetto massimo di spesa resterà 150 euro, mentre le commissioni sulle spese dovrebbero a breve andar via per consentire di effettuare acquisti anche di importi estremamente ridotti con carta.

Detto questo, è evidente che laddove l’obiettivo diventa un rimborso extra-large da 1.500 euro, anche le modalità per accedervi si adeguano alle circostanze. Ed effettuare spese anche di somme estremamente contenute può essere un modo per arrivare primi (ad esempio negli autogrill si accettano carte anche per acquisti di un euro). Assieme al taglio delle commissioni, un buon viatico può essere rappresentato da acquisti in più tranches laddove le attività consentono la vendita al dettaglio.

Altri consigli utili? In realtà qualche dritta: il sistema delle gift cards a lunga scadenza può essere un’idea, ma anche pagare le utenze con carta, anziché con addebito su conto, potrebbe andar bene. Certo, bisognerà mettersi l’anima in pace e procedere per posta. Più pratico, anche se meno frequente, pagare in diverse soluzioni consulenze e servizi. La corsa è iniziata.