La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato il termine per ottenere l’Ecobonus 110%. Per ottenerlo bisogna presentare una lista di documenti lunghissima. Vediamo quale.

ecobonus 110%
Fonte pixabay

La Legge n. 34/2020 all’articolo 119 prevede che la detrazione al 110% è estesa a tutti gli interventi di efficientamento energetico a condizione che siano eseguiti congiuntamente con i cosiddetti interventi “trainanti” o “primari”.

Il termine per accedere al superbonus 110% è stato prorogato fino a giugno 2022. Si evince, quindi, che i condomini che realizzeranno il 60% degli interventi entro il 30 giugno 2022, potranno arrivare fino a dicembre per le restanti spese.

Ma in questo bonus è compresa l’installazione dei condizionatori?

Si, perché la normativa non è esplicita in quanto la stessa non include o esclude l’installazione del condizionatore. Si può, pertanto, ritenere che rientrare tra gli interventi agevolati, ci sia anche l’acquisto e l’installazione dei condizionatori.

Gli interventi che permettono l’accesso alla detrazione al 110%, sono differenziati in tre categorie:

a) isolamento termico, cd. cappotto termico;

b) sostituzione di impianti per la climatizzazione invernale;

c) interventi che permettono la riduzione del rischio chimico.

Se si riealizza uno di questi interventi cd. “primari” si possono realizzare e, di conseguenza beneficiare del Superbonus al 110%, degli interventi chiamati “trainati” o secondari.

LEGGI ANCHE >>> Banconote e monete false, potremmo averle in tasca: come riconoscerle

LEGGI ANCHE >>> I 18 anni di Greta Thunberg, l’attivista dei “Fridays for Future”

Ecobonus 110%: la documentazione da presentare

La documentazione necessaria per beneficiare dell’ecobonus è piuttosto lunga.

In primis, per la cessione del credito, la lista dei documenti da presentare è:

  • Documentazione attestante la proprietà o disponibilità dell’immobile;

Vi sono, poi, una serie di dichiarazioni sostitutive che vanno dall’attestazione del rispetto del limite massimo di spesa ammissibile, all’attestazione per la presenza o meno di altri contributi riferiti agli stessi lavori o che le spese agevolate sono state calcolate al netto di tali eventuali altri contributi.

  • certificazione dell’amministratore di condominio ovvero copia della delibera assembleare e della tabella millesimale di ripartizione delle spese;
  • Per gli interventi di efficienza energetica, ricevuta di trasmissione all’Enea della scheda descrittiva (Modelli C e D – Decreto “Requisiti – Ecobonus”);
  • Polizza RC del tecnico sottoscrittore;
  • Consenso alla cessione del credito o sconto in fattura da parte del cessionario/fornitore
  • Abilitazioni amministrative richieste dalla vigente legislazione edilizia
  • abilitazione amministrativa idonea (CIL, CILA, SCIA);

Ecobonus 110%: i documenti tecnici

Dovranno poi essere presentati:

  • comunicazione preventiva ASL di competenza;
  • autodichiarazione del cliente che attesti se ha usufruito di bonus per interventi simili negli ultimi 10 anni;
  • visura catastale, certificato catastale o domanda di accatastamento
  • bonifici bancari o postali;
  • APE ante operam
  • analisi preventiva e studio di fattibilità dell’intervento
  • relazione tecnica ai sensi della legge 10/1991
  • dichiarazione di conformità edilizia e urbanistica
  • pratica edilizia
  • elaborati grafici
  • preventivi e/o computi metrici
  • dati e trasmittanza serramenti sostituiti
  • documentazione fotografica intervento
  • certificazioni serramenti nuovi
  • dati e certificati nuovi oscuranti
  • schede tecniche materiali acquistati e dichiarazione di corretta posa in opera
  • per gli interventi di riduzione del rischio sismico, copia dell’asseverazione della classe di rischio dell’edificio precedente l’intervento e quella conseguibile a seguito dell’esecuzione dell’intervento progettato con relativa ricevuta di deposito

Ecobonus 110%: Avanzamento e fine lavori

Dovrà essere presentata, inoltre:

  • comunicazione inizio lavori
  • preventivi e/o computi metrici
  • fatture SAL, documenti di spesa e computi metrici quantità realizzate
  • documentazione fotografica e SAL
  • asseverazione modulo allegato 2 comma 13 dell’articolo
  • scheda descrittiva dell’intervento
  • ricevuta informatica con il codice identificativo della domanda

A fine lavori, invece dovrà essere propdotta la seguente documentazione:

  • consuntivi e/o computi metrici
  • dichiarazione di fine lavori
  • APE post operam
  • fatture e computi metrici quantità realizzate
  • documentazione fotografica a fine lavori
  • asseverazione modulo allegato 1 comma 13 articolo 119 Dl 34/20
  • segnalazione certificata di agibilità
  • scheda descrittiva dell’intervento
  • ricevuta informatica con il codice identificativo della domanda.