Si può risparmiare sulla caldaia pur non soffrendo il freddo? Non bisogna spegnerla tante ore, ecco le temperature del riscaldamento

Puoi risparmiare sul riscaldamento? Sì, a queste temperature
Temperatura (Fonte foto: web)

Diciamocelo, la bolletta del gas in inverno è una vera e propria mannaia. Non può essere bassa, dato che per combattere il freddo i riscaldamenti in casa sono accesi per diverse ore.

Siamo anche noi senza accorgercene però, che influiamo sui costi. Ad esempio, se siamo bravi a regolare la temperatura dell’appartamento, potremo ridurre il consumo di gas. Ed allora vediamo se conviene tenere il riscaldamento sempre acceso ed a quali temperature.

Leggi anche>>> Attenzione a questo messaggio “firmato” Amazon: è un tentativo di truffa

Leggi anche>>> Cashback, lo sapevate? I soldi sono da restituire a Bruxelles

Riscaldamento: rischi nel lasciarlo acceso e come regolarlo

Il consumo del gas in casa, abbiamo quindi detto, è anche regolabile dalle nostre abitudini. Piccoli segreti che non ci lasceranno al freddo ma che nemmeno ci faranno pagare bollette esorbitanti. In molte famiglie, non in tempi di lockdown, per alcune ore la casa resta vuota, e parrebbe logico spegnere tutto, riscaldamenti compresi, per un maggior risparmio.

Ebbene, se lasciandolo spento per una decina di ore non si consuma, quando il riscaldamento riparte si hanno una serie di inconvenienti. La caldaia infatti lavora al massimo per molti minuti, per riportare la temperatura a livello. Questo però permette anche il riscaldamento rapido della casa e quindi spesso, di poter rispegnere il tutto per la notte.

C’è un’alternativa invece: il riscaldamento sempre acceso, ma agendo sulla temperatura. Quella ideale da mantenere sempre per la casa, è di 19 gradi. Mantenere questa temperatura può far risparmiare, tenendo comunque casa abbastanza calda. Nelle ore in cui nessuno è in casa, si può abbassare il termostato di 1/1,5 gradi. A quel punto, regolare l’avvio del riscaldamento se la temperature scende sotto 18 o 17,5 gradi.

La temperatura in questo modo rimane abbastanza costante, senza la necessità di far compiere alla caldaia lo sforzo di ritornare ad un’alta temperatura, che costa anche in termini economici. Lavorando sempre al minimo, tra l’altro, la stessa caldaia durerà di più.