Cashback, non dimenticate di inserire l’Iban entro la data di scadenza, ovvero il 31 dicembre 2020, altrimenti salta

Cashback: entro domani inserimento dell'Iban, altrimenti salta
Fonte foto: (web)

Cashback e domande, sono state così tante da mandare in tilt il sito web interessato al primo giorno, ma non tutti ricordano le scadenze. Se vi interessa il cashback di dicembre, non buttate via 10 transazioni, ecco come.

Un piccolo dettaglio, quello dell’Iban, che spesso viene posticipato per comodità, ma che se inserito oltre il 31 dicembre, vi farebbe gettare via tutto.

Leggi anche>>> Le nuove stringenti regole 2021: finiamo in Centrale Rischi in questi casi

Leggi anche>>> Covid e buste paga: chi ci guadagna e chi invece, no

31 dicembre la data di scadenza: serve la app Io

In tanti non avranno letto la regola, risultante tra le FAQ del servizio, ma eccola, pronta ad essere riletta:

per consentire l’accredito degli eventuali rimborsi a cui potrai avere diritto, devi indicare il codice IBAN entro la fine del periodo di riferimento.

La cifra che avete accumulato con le 10 o meno transazioni, se non verrà inserito l’Iban tramite app Io entro il 31 dicembre, non si accumulerà con quelle di gennaio, bensì verrà persa per sempre.

Come verificare se abbiamo già inserito l’Iban o abbiamo dimenticato il passaggio? Tramite l’apposita app che ci consentirà di prender parte alla misura cashback ideata dal Governo. Una volta aperta l’app, cliccare sulla tab e scorrere la pagina fino al fondo. Se l’Iban risulta registrato, sarà correttamente indicato, verificabile ed eventualmente modificabile.

Ricordare che i rimborsi sull’Iban indicato arrivano entro i 60 giorni dal termine di ogni periodo di riferimento. Il cashback di dicembre quindi arriverà entro marzo, quello di gennaio entro aprile e così via. Secondo la Legge, il fisco non opporrà alcuna decurtazione ai nostri rientri economici: “stando al disegno della legge di Bilancio 2021, tutti i rimborsi ottenuti con il Cashback non concorrono a formare il reddito del beneficiario e non sono soggetti a tassazione”.