Lo scorso 8 dicembre è partito il programma cashback, ma i fondi non risultano al momento sufficienti. Ecco i possibili scenari.

cashback
Fonte: Pixabay

Introdotto con la Legge di Bilancio 2020, il cashback è stato pensato con l’intento di incentivare i pagamenti con carte di debito o credito, grazie ad un meccanismo che prevede la restituzione in denaro di una percentuale di quanto pagato cashless. In particolare tale programma prevede un rimborso del 10%, fino a un massimo di 150 euro, per gli acquisti svolti a titolo privato e che pertanto non riguardano l’utilizzo professionale.

Inizialmente previsto per il 2021, alla fine è stato deciso di anticipare l’avvio di questa iniziativa a partire dallo scorso 8 dicembre, il cosiddetto Extra Cashback di Natale, in modo tale da incentivare proprio gli acquisti effettuati durante il periodo delle festività natalizie. Un’iniziativa che sembra aver riscosso in poco tempo un gran numero di adesioni e che proprio per questo motivo rischia di far saltare il piano rimborsi.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, rimborsi a rischio per alcuni pagamenti: scopriamo quali

LEGGI ANCHE >>> Cashback, attenti agli acquisti esclusi dal bonus: ve li diciamo noi

Cashback di Natale, soldi insufficienti: il rimborso si riduce

cashback
Fonte: Pixabay

I 228 milioni stanziati dal Governo per il cashback di Natale potrebbero non essere sufficienti per pagare tutti i rimborsi. L’indennizzo messo a punto dall’esecutivo, infatti, prevede un rimborso massimo pari a 150 euro, ma gli iscritti al programma, alla data del 21 dicembre, sono 5,3 milioni. Dividendo i 228 milioni stanziati per il numero degli iscritti, quindi, si ottiene una cifra di circa 43 euro ciascuno.

I primi rimborsi, ricordiamo, verranno erogati a febbraio e pertanto il governo ha ancora un po’ di tempo per correre ai ripari e trovare una soluzione grazie alla quale poter garantire a tutti il rimborso. I fondi, infatti, sembrano non essere sufficienti per il gran numero di iscritti, con il governo che, a breve, potrebbe essere costretto a correre ai ripari. In particolare è facile ipotizzare che il governo opti per lo stanziamento di nuovi fondi a copertura di tale iniziativa. A tal proposito ricordiamo che per ottenere il rimborso per il cosiddetto Extracashback di Natale bisogna fare almeno 10 transazioni valide a partire dallo scorso 8 dicembre fino al 31 dicembre 2020.