Extra cashback di Natale: come ottenere il rimborso prima di tutti

cashback

Il 31 dicembre 2020 termina l’extra cashback di Natale. Da questo momento sarà possibile ottenere il rimborso, in che modo?

Cashback rimborso

L’ extra cashback di Natale, è partito l’8 dicembre scorso e la sua scadenza è prevista il 31 dicembre 2020.

L’iniziativa, dai numeri aggiornati da Palazzo Chigi pochi giorni prima di Natale, è stata presa con entusiasmo dagli italiani: oltre 5,3 milioni si sono iscritti al cashabck dall’app IO e da altri canali.

Il cashback consiste nell’effettuare almeno 10 operazioni cashless, senza contanti, a cui è  riconosciuto il 10% di quanto speso nel periodo delle festività fino a un massimo di 1500 euro.

Ne consegue che il rimborso massimo corrisponde a 150 euro.

I rimborsi sono accreditati entro 60 giorni dalla fine del periodo.

Ad oggi, il cashback effettivo da erogare ai cittadini che già hanno acquisito il diritto al rimborso è pari a circa 37 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Mara Venier: quanto guadagna la regina della domenica?

LEGGI ANCHE >>> Striscia la Notizia svela la clamorosa truffa dell’assicurazione, a cosa fare attenzione

Extra cashback di Natale: come richiedere il rimborso

Per ricevere il rimborso cashback occorre, in primo luogo, essere in possesso dello SPID ed aderire al programma tramite l’app IO.

Possono aderirvi tutti: ogni componente maggiorenne e residente nel nostro Paese può iscriversi individualmente al programma e ricevere il proprio rimborso.

I metodi di pagamento per partecipare sono: carte di credito, carte di debito su circuiti internazionali e su circuito PagoBancomat, app di pagamento e altri sistemi di pagamento.

Una volta caricate le carte di credito o di debito, bisogna controllare che gli strumenti di pagamento siano presenti nella sezione Portafoglio dell’app IO, e che che risultino effettivamente attivi.

Per il cashback sono validi gli acquisti effettuati sul territorio nazionale con i metodi di pagamento elettronico attivati al cashback: rientrano pure quelli per i servizi resi da artigiani o professionisti, purché le transazioni siano effettuate con i metodi di pagamento elettronico attivati che consentano di partecipare all’iniziativa.