Oltre al rinnovo del bonus mobili la Legge di bilancio 2021 prevede un innalzamento del limite di spesa massimo. Vediamo a quanto ammonterà nel nuovo anno

bonus mobili
Fonte Pixabay

Il bonus mobili e grandi elettrodomestici è stato prorogato anche per il 2021 e già questa è una buona notizia. Inoltre bisogna aggiungere che sarà aumentato anche il limite massimo di onere ammesso al beneficio fiscale.

Questo sarà possibile grazie ad un emendamento approvato dalla Commissione bilancio della Camera, che dovrà essere poi confermato dal testo definitivo che andrà in Gazzetta Ufficiale.

Per chi non ne fosse a conoscenza questo strumento di sostegno consiste in una detrazione fiscale del 50% sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici, che si aggiunge al più rinomato bonus ristrutturazione. Viene fruita in 10 quote annuali di pari importo (non sono ammessi sconti in fattura o cessione del credito).

Allo stato attuale il bonus spetta fino ad una spesa di 10000 euro (con detrazione di 5000), ma lo scenario futuro è decisamente più interessante.

LEGGI ANCHE >>> Bonus 2021, dai rubinetti agli occhiali: tutto quello che c’è da sapere

LEGGI ANCHE >>> Superbonus 110%: la Commissione Finanze ammette il fallimento

Bonus mobili, il nuovo limite di spesa con la manovra 2021

Grazie alla legge di bilancio 2021, il nuovo limite arriverà a 16000 euro e di conseguenza la detrazione massima possibile sarà di 8000 euro. Condizione imprescindibile per poter usufruire del beneficio è la modalità di pagamento tracciata. Dunque, spazio a bonifici, carte di credito o di debito mentre non rientrano nella misura gli assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento. 

Non rimane che aspettare l’ufficialità che dovrebbe arrivare a breve. Un modo pratico e semplice per consentire a chi ha necessità di poter rinnovare la mobilia della propria casa risparmiando una cifra di non poco conto, soprattutto in una fase così particolare. Certo, è dilazionata nel tempo, ma anche così si risparmia. Anzi per certi versi può essere molto positivo, visto che ogni anno “ritorna” indietro qualcosa.